L'editoriale dei Gamers

Xbox Series X, PlayStation 5 e Switch Pro

Tempo di lettura: 4 minuti

L’inaspettata presentazione della Xbox Series X durante i Game Awards 2019 ha scosso le fondamenta del mondo videoludico. In molti si aspettavano una forte risposta di Sony ma, a parte il logo e qualche dettaglio già noto mostrato al CES 2020, la società giapponese sembra quasi chiusa in un silenzio stampa. Il quantitativo esagerato di like per il logo Ps5 dimostra, se era necessaria una conferma, l’attaccamento dei giocatori al marchio ma rimane quasi incomprensibile il mancato annuncio di Sony di un evento dedicato.

Microsoft sta facendo salire lentamente l’hype per la nona generazione di console e, nel bene o nel male, ci sta riuscendo dannatamente bene. Sony sembra sempre pronta a sganciare una bomba che non arriva anzi, lascia piccole scoregge nell’aria forte dei numeri di Ps4. Siamo tutti contenti delle 106 milioni di console piazzate, ma l’industria non si fermerà all’ottava generazione di console, bisogna guardare avanti. Tra 11 mesi a casa mia ci saranno le due nuove console e si aprirà un nuovo capitolo chiudendo quello glorioso di PlayStation 4. Andiamo con ordine.

Microsoft Xbox Series X

Tra le console che verranno rilasciate in questo 2020 quella con la X sembra avere i contorni meno fumosi. Spencer e soci hanno veramente preso in contropiede tutti con la presentazione durante i Game Awards e scatenato un autentico delirio tra i fan e gli immancabili haters. Chi si è scagliato contro il nome, con video su youtube di anche 10 minuti, chi contro la forma ed ovviamente chi ancora chiede a gran voce esclusive.

Ognuno ha i suoi punti di vista ma il dato di fatto, quello più rilevante per noi giocatori, è che Microsoft abbia preso il marchio Xbox e messo come tra i settori di punta del proprio listino. Gli investimenti fatti sono enormi e questo significa che Satya Nadella, CEO della società di Redmond, ha deciso di puntare fortemente sul gaming. 12Tflop, Zen, Xen Ben Bong non ha importanza, quello che deve farci riflettere sono una nuova console, N studi acquisiti, il Game Pass ed il Project xCloud. Microsoft sta preparando un pranzo/cena di Natale 2020 coi fiocchi e personalmente non vedo l’ora di abbuffarmi. Quello che manca ora sono gli annunci, i giochi ci sono, dei titoli esclusivi degli studi Microsoft, soprattutto del tanto chiacchierato team The Initiative.

Xbox Series X: Top

Sony Ps5, bel logo…

Noi umani siamo creature strane, possiamo parlare per ore di questo Series X di Microsoft e poi vedere milioni di like per un logo, Ps5, identico a quello della precedente console. Capisco che possano piacere i caratteri, che ci sia hype intorno alla nuova console, ma rimane pur sempre un logo… Personalmente potevano chiamarla topolino 5, l’importante è cosa ci sia sotto la scocca ed i servizi correlati. Quello che mi aspetto da Sony è un evento cazzuto in cui finalmente mostrino qualche nuovo gioco dopo un periodo di silenzio quasi assordante. L’attesa di qualche novità per il marchio PlayStation sta assumendo i contorni dell’irrazionale. The Last of Us parte seconda è il secondo titolo che attendo di più per questo 2020, dietro solamente a Cyberpunk 2020, ma da Sony mi aspetto molto di più.

Durante il CES 2020 Kenichiro Yoshida, CEO Sony, ha focalizzato l’attenzione anche sulla componente audio della nuova console. Tra tutte le informazioni, presentate in una misera slide, era forse l’unica novità ma onestamente non ritengo la componente acustica uno dei cavalli da battaglia per la nuova generazione.

Ps5: Rimandata quando avremo vera carne sul fuoco 

Nintendo Switch Pro (?)

Ad onor di cronaca non sono un estimatore della console ibrida della big N. Comprata al lancio, mi sono quasi pentito dell’acquisto fatto nonostante il successo sia a livello di vendite che di opinione pubblica.

Il problema non è la console, ma una semplice questione di gusti. Per i giochi multipiattaforma preferisco PlayStation o Xbox per non citare la piattaforma per eccellenza, il PC. I titoli esclusivi Nintendo sono di buona fattura, ma non eccezionali come molte testate del settore vogliano farci credere. A questo aggiungerei il genere e tipologia che calzano poco con quanto mi aggrada giocare. Raramente ho trovato nella big N titoli che mi hanno fatto veramente impazzire.

Nintendo sembra si stia preparando a lanciare lo Switch Pro e, chiedendo scusa a tutti gli amanti del marchio, potrà rimanere sullo scaffale a vita dato che, molto probabilmente, non porterà nulla di nuovo dall’attuale console. Ovviamente felice di ricredermi.
A mia modesta opinione la società di Kyoto dovrà lavorare seriamente sui servizi, e mi auguro che lo facciano in fretta prima di rimanere ancorati ad un modello di business vetusto.

Switch Pro: mmmbé?

Xbox Series X, PlayStation 5 e Switch Pro ultima modifica: 2020-01-13T10:00:00+01:00 da Jena Plissken

Rispondi