Aspettando

Wolfenstein: Youngblood e Cyberpilot per tutti i gusti?

Amanti delle mirabolanti gesta di Terror Billy & Co tenetevi pronti, sono in arrivo novità molto importanti per la saga, che andranno ad espandere il brand oltre le più rosee aspettative.

Wolfenstein: Youngblood espande la proposta del precedente capitolo della serie, spingendo il brand verso il grande e ricco mondo della coop online.

I titoli usciranno il prossimo 26 Luglio su PC, Ps4, Switch e XboxOne, ed entrambi supporteranno l’italiano anche con il doppiaggio.

Le terribili gemelle Blazkowicz

E’ strano vedere un gameplay di Wolfenstein sapendo che a macinare nazisti non è il solito e inossidabile Terror Billy.

L’epopea delle due sorelle Blazkowicz è pronta a cominciare; diciannove anni dopo gli eventi narrati nel secondo capitolo.
Wolfenstein: Youngblood trasporta la guerriglia direttamente negli anni 80, in una Parigi occupata dall’esercito nazista. Dalle prime immagini mostrate non si fatica a prevedere il buon feeling con il sistema di shooting ereditato dal precedente capitolo.

Doppie armi e gadget spettacolari per ripulire le stanze dalle forze dell’asse, senza farsi mancare qualche vizio creativo nella ricerca della spettacolarità delle azioni.

Wolfenstein: Youngblood e Cyberpilot per tutti i gusti?

Il titolo sarà giocabile interamente in Co-op oppure in singolo, andando incontro alle ormai pressanti richieste della community che ha sempre richiesto un Wolfenstein in multiplayer.

Una nuova resistenza in Cyberpilot

Concetto più semplice e meno sponsorizzato dello spin-off gemello Young Blood. Si tratta di un’ esperienza VR dove impersoneremo un Hacker della resistenza, che riuscirà ad ottenere il controllo delle più distruttive macchine da guerra naziste per rivolgergliele contro.

Anche Cyberpilot è previsto per il 26 Luglio, e anch’esso supporterà la nostra lingua fino al doppiaggio completo.

Non è chiaro se anche questo progetto porterà avanti una linea narrativa, oppure si limiterà a far parlare i lanciafiamme. Le uniche cose che sappiamo per certo sono che i fatti si svolgono anch’essi nel 1980 a Parigi.

Si prospetta un estate bollente quindi per gli amanti della saga, in quanto a prescindere dal genere preferito

Wolfenstein: Youngblood e Cyberpilot per tutti i gusti?

Quindi ce ne sarà davvero per tutti i gusti per gli amanti della saga. C’è da sottolineare supporto di Bethesda per il VR.

Infatti Cyberpilot non si tratta del primo progetto portato a termine per la realtà virtuale. Ricordiamo anche DOOM VFR e Skyrim VR entrambi usciti lo scorso anno e discretamente apprezzati.

Wolfenstein: Youngblood e Cyberpilot per tutti i gusti? ultima modifica: 2019-04-19T17:20:55+02:00 da Giganico

Rispondi