Giochi Indie Recensioni Giochi PC & Console

When Ski Lifts Go Wrong – Recensione

Tempo di lettura: 4 minuti

Recensione di When Ski Lifts Go Wrong basata sulla copia gentilmente fornita da Curve Digital.

La nuova frontiera del bridge building

Seguendo il modello di successo del bridge building, When Ski Lifts Go Wrong riesce a distaccarsi dalla massa dei titoli di questo genere capovolgendo le dinamiche di gioco, sostituendo i ponti con ski lifts e seggiovie per portare i nostri sciatori in vetta.
Alternando livelli di salita a livelli di discesa con snowbord, sci o motoslitta questo gioco risulta davvero divertente.

Fisica, colori e animazioni

La grafica è particolarmente curata: le montagne sono dettagliatissime con ombreggiature impressionanti. I colori molto accesi rendo l’esperienza di gioco davvero interessante. A tutto ciò si unisce una carinissima semplificazione in blocchi che realizzano l’ambientazione: alberi, sassi, edifici e gli stessi impianti sciistici sono una gioia per gli occhi.
Musica piuttosto ripetitiva che accompagna il gioco, ma che nella sua semplicità è piuttosto accettabile. Gli effetti sonori sono piuttosto validi, anche se sicuramente in un gioco del genere non è il sonoro a renderlo interessante.
Storia quasi completamente assente: ci troviamo infatti di fronte ad una serie di livelli composti da sfide sempre più difficili e da completare per ottenere dei trofei.

Nota di pregio del gioco è la fisica pazzesca delle animazioni: nulla è lasciato al caso; peso, gravità, ostacoli e quant’altro, tutto concorre in egual modo per la riuscita di un livello, incluso l’oscillamento del cavo dovuto al passaggio dello sciatore precedente. Inoltre, ogni volta che falliremo e uno sciatore cadrà, questi spruzzerà sangue ovunque sulla mappa che rimarrà fino a livello ultimato.

Modalità di gioco divertente e creativa.

Il gameplay è piuttosto semplice e si suddivide in una fase di progettazione in cui costruiamo il percorso che gli sciatori devono seguire, e di una di test in cui i personaggi faranno il percorso indicato.
La progettazione della nostra seggiovia avviene completamente in 2D permettendo al giocatore di poter disegnare quello che più preferisce, utilizzando i materiali a disposizione.
Dal punto di vista cinematico, invece, la parte di test della seggiovia è molto carina grazie anche al passaggio al 3D con i nostri sciatori che sono completamente in balia delle scelte effettuate in fase di progettazione.
A questi si alternano livelli in cui dovremo controllare lo sciatore durante la discesa e i salti per evitare gli ostacoli. Anche per questi livelli avremo a disposizione la costruzione e la modifica del percorso aggiungendo ponti e rampe.

Sandbox da condividere.

When Ski Lifts Go Wrong possiede anche l’immancabile modalità sandbox che ci permetterà di costruire i nostri percorsi e di condividerli con gli altri giocatori che potranno cimentarsi nella nostra personale montagna, mentre noi faremo lo stesso con la loro.
I comandi sono semplicissimi e intuitivi. A farla da padrone sarà principalmente il mouse, con cui andremo a disegnare sulla nostra montagna le nostre piste. Un po’ più complessa è la parte di discesa in quanto va distribuito in maniera piuttosto preciso il peso del corpo altrimenti si rischia di massacrarsi.

Non tutto “oro”…

Nota negativa in tutto è, a mio parere, il prezzo forse un pochino sopra la media per questo genere: aggiungiamo che non sono proprio una amante di questi giochi a rompicapo e i 15 euro che costa me lo fanno apparire come effettivamente costoso. Resta il fatto che probabilmente per un amante, ponendo tutto quello che ho descritto, li vale davvero.
Altro punto dolente è sicuramente la lingua: sebbene in un gioco del genere, una volta capiti i controlli essenziali, non serva sapere altro, l’assenza della lingua italiana potrebbe essere una barriera per molti player.

Per concludere credo che il gioco in se sia molto bello e che vada a toccare una fetta di pubblico appassionato di questo genere, con delle novità rispetto al solito “costruisci il ponte-fai passare il camion”. Le sfide sono davvero impegnative: serve metterci molta testa per capire al meglio qual è la soluzione ottimale per oltrepassare i livelli avanzati. Inoltre grafica e cinematica rendono il gioco davvero una perla di cui un fan non può fare a meno.

Requisiti di sistema

Sistema operativo: Windows 7, 64bit
Processore: 2 GHz
Memoria: 2 GB di RAM
Scheda video: 1GB
Memoria: 500 MB di spazio disponibile
Note aggiuntive: Richiede un processore e un sistema operativo a 64 bit

WHEN SKI LIFTS GO WRONG

Per gli appassionati del bridge building ecco la nuova frontiera del rompicapo di costruzione. When Ski Lifts Go Wrong si pone come una novità assoluta, in un mondo già da molti sfruttato, grazie alla sua precisissima fisica e al capovolgimento dello stile classico. Puzzle sulla neve e in mezzo alle montagne per un gioco che sicuramente, un fan, non può perdersi.

7.5
WHEN SKI LIFT GO WRONG:
7.5
When Ski Lifts Go Wrong – Recensione ultima modifica: 2019-02-05T17:19:57+02:00 da Neviebris

Rispondi