Anteprime Giochi PC & Console

Warhammer: Gladius – Relics of War – Anteprima

Warhammer 40,000: Gladius - Relics of War

Warhammer: Gladius – Relics of War, uno strategico in stile Civilization

All’uscita di ogni nuovo titolo collegato al mondo di Warhammer, e di Warhammer 40.000 in special modo, i fan trattengono sempre il respiro. Sarà l’ennesima delusione o finalmente riusciremo ad avere un gioco degno? Con questo dubbio “amletico” abbiamo provato per voi, in anteprima, Warhammer: Gladius – Relics of War. Com’è andata? Bene, molto bene, da sorrisone a 32 denti.

Proxy Studios (autori della saga strategica “Pandora”) e Slitherine Ltd. sono gli artefici di questo nuovo strategico a turni ambientato nell’universo di Warhammer 40.000.

Le fazioni disponibili in Warhammer 40,000: Gladius - Relics of War
Le fazioni disponibili in Warhammer 40,000: Gladius – Relics of War.

Slitherine “Ancora una volta nella breccia

Slitherine, infatti, non solo ha una lunga traduzione in termini di strategici (Pride of Nations, Field of Glory, Vietnam ’65, Star Hammer: The Vanguard Prophecy, Battlestar Galactica Deadlock, solo per citarne alcuni) ma è anche la “mamma” di due dei migliori titoli legati al mondo degli Space Marines. Si tratta delle bellissime saghe di Warhammer 40,000: Armageddon e Warhammer 40,000: Sanctus Reach. E questo è già un biglietto da visita notevole. L’esperienza di Slitherine, ma anche dei Proxy Studios, con gli strategici si vede riflessa in Warhammer : Gladius – Relics of War.

Warhammer: Gladius – Relics of War è uno strategico a turni che può essere tranquillamente definito come un mix tra Civilization e Age of Wonders. Tiles, città da espandere, decine di unità differenti ed eroi da comandare, nemici formidabili, mappe insidiose, c’è tutto quello che ci si può aspettare da un titolo di questo genere. Ma tutto il stile Warhammer 4K. Scusate se è poco.

Nella versione che abbiamo provato, la 0.9.2, era possibile usare solo gli Space Marines, ma nella versione finale saranno disponibili anche l’Astra Militarium, gli Orks e i Necrons.

In Warhammer: Gladius – Relics of War, come è facilmente immaginabile, dovremo espandere il territorio della nostra fazione riducendo in cenere i nemici. Seguendo la migliore tradizione anche in Warhammer: Gladius – Relics of War, la mappa di gioco sarà divisa in tiles, ognuna con le sue caratteristiche da sfruttare o da cui stare alla larga. Dovremo quindi scegliere con cura dove posizionare le nostre città, le nostre unità e dove espanderci.

Città Warhammer 40,000: Gladius - Relics of War
Le città saranno il fulcro della nostra espansione.

In Warhammer: Gladius – Relics of War la natura è tua nemica

Già questo primo aspetto rivela l’ottimo lavoro fatto da Slitherine e dagli Proxy Studios.  Prima di tutto sia le mappe in generale, che le specifiche tiles, sono sempre diverse e ottimamente rappresentate (spesso con risultati migliori di altri titoli molto più blasonati). Secondo, i bonus e i malus che le caratterizzano influenzano davvero il gioco, spesso in modo determinante.

La via del dominio totale partirà dai nostri centri da cui, man mano, ci espanderemo. Ottenendo il controllo delle tiles circostanti aumenteremo l’area di influenza dei centri e, di conseguenza le risorse a nostra disposizione. Le tiles, oltre che per le risorse, sono importanti perché ci permetteranno di costruire i vari edifici disponibili. Le tiles intorno alle città, infatti, hanno differenti slots sfruttabili per la costruzione per cui dovremo pianificare attentamente cosa costruire e dove farlo.

Le mappe, oltre che di risorse, sono ricche di altri elementi interessanti: cripte da esplorare per trovare artefatti da usare con gli eroi, monoliti che potenziano vari aspetti del gioco, fortezze, mercanti e molto altro ancora.

Wharhammer: Gladius - Relics of War tiles
Cripte, mercanti Jokaro, bestie selvatiche: c’è tanto da fare e da vedere in Warhammer: Gladius – Relics of War.

Una miriade di unità che sono una gioia per gli occhi

Per quanto riguarda la gestione delle unità, queste si dividono in truppe normali ed eroi. Quest’ultimi, saranno in grado di usare gli artefatti trovati durante l’esplorazione o acquisitati presso gli avamposti dei mercanti Jokaero. Inoltre, gli eroi, salendo di livello otterranno l’accesso ad abilità offensive e di supporto (le truppe normali salgono semplicemente di livello). Da notare che, sebbene più potenti delle truppe regolari, gli eroi non saranno mai invulnerabili. Lo stesso vale anche per le unità più potenti. In Warhammer: Gladius – Relics of War scordatevi cariche in stile Balaklava. I combattimenti vanno pianificati sfruttando il terreno e le caratteristiche delle diverse unità. Solo così potrete avere la meglio sui nemici.

Wharhammer: Gladius - Relics of War units
Le unità sono una gioia per gli occhi.

Un’IA tosta

L’IA in Warhammer: Gladius – Relics of War, per il momento, si comporta bene con truppe che, per esempio, scappano se in inferiorità numerica o che attaccano le unità già danneggiate. In generale il livello di difficolta degli scontri è medio alto e uscirne incolumi sarà davvero molto difficile.

Wharhammer: Gladius - Relics of War enemies
Tanti nemici… tanta morte.

Dal punto di vista puramente estetico la qualità con cui sono state realizzate le diverse unità è davvero encomiabile (tranne nel caso di alcune unità neutrali), soprattutto se si tiene in conto che ancora non stiamo parlando del gioco definitivo.

Ogni unità avrà accesso ad abilità speciali e potenziamenti ottenibili ricercando la relativa tecnologia. Allo stesso modo, edifici, unità, abilità speciali (per esempio l’attacco orbitale) e quant’altro, verranno sbloccate mediante le rispettive ricerche.

L’informazione è potere

Il lore è l’altro aspetto che merita un encomio. Ogni oggetto, ogni caratteristica del terreno, ogni unità, praticamente tutto, ha la propria descrizione consultabile in qualsiasi momento e sfruttabile strategicamente. Non si tratta solo di descrizioni “tanto per fare” ma un compendio di conoscenze che ci troneranno utili ai fini della vittoria.

In definitiva, il nostro primo contatto con Warhammer: Gladius – Relics of War è stato dei migliori. Si tratta di un titolo davvero promettente a cui guardiamo fiduciosi.

Ovviamente, trattandosi della versione non definitiva, ci sono ancora alcune cose da rifinire ma non abbiamo riscontrato problemi così gravi da influenzare in maniera negativa l’esperienza di gioco.

Se state quindi cercando uno strategico a turni in stile Civilization ma ambientato nel mondo di Warhammer 40.000 non potete non tenere sott’occhio questo titolo.

Aspettiamo fiduciosi il 12 luglio, data prevista per il lancio di Warhammer: Gladius – Relics of War, per goderci a pieno la versione definitiva.

Warhammer: Gladius – Relics of War – Anteprima ultima modifica: 2018-06-08T16:00:59+00:00 da Arka

Potrebbe anche interessarti…

Rispondi