Giochi Indie Recensioni Giochi PC & Console

SUPERLIMINAL, la Recensione

Tempo di lettura: 4 minuti

Recensione di SUPERLIMINAL, puzzle game sviluppato e distribuito dallo studio americano Pillow Castle Games e di cui avevamo già parlato in questo articolo.

Dal 12 novembre il gioco è disponibile – sottotitolato in italiano – esclusivamente su Epic Store.

Ringraziamo il portale Terminals per la chiave che ci ha gentilmente fornito.

Perception is reality

Perception is reality è un modo di dire inglese che perde decisamente nella sua traduzione italiana: la percezione è realtà. Solitamente usato in psicologia, i Pillow Castle Games lo utilizzano come sottotitolo alla loro prima opera SUPERLIMINAL.

Il titolo infatti fin dai primi passi si prende gioco della prospettiva e del senso di profondità, immergendoci in un mondo nel quale ciò che vediamo è reale ma fisicamente impossibile.

Ritorno agli Aperture Labs?

Come escamotage per introdurre una trama per questo mondo avulso dalle leggi della fisica, i Pillow Castle calano il giocatore nei panni di un paziente dell’Istituto Pierce, una clinica dove si perfezionano cure dell’inconscio attraverso il sogno.

Non a caso dopo aver familiarizzato con i pochi comandi a nostra disposizione – WASD per i movimenti, click sinistro per prendere gli oggetti, destro per ruotarli e barra spaziatrice per saltare – la prima cosa da fare sarà firmare i Term of Service della terapia.

Non pensate di poter intraprendere il gioco senza firmare.

Superati gli enigmi molto semplici delle prime stanze che fungono da tutorial, troveremo delle radio sul nostro percorso grazie alle quali il Dott. Gleen Pierce – presumibilmente un impiegato della clinica – comunicherà con noi dal mondo reale. Ci comunicherà che qualcosa è andato storto durante il nostro sonno: il Team della clinica non riesce più a localizzarci all’interno del nostro sogno e non è quindi in grado di svegliarci.

L’ironia con cui il Dottore ci parla, gli ambienti asettici del laboratorio e le stanze ricreate con fondali sono – a parere di chi scrive – un chiaro riferimento e tributo agli Aperture Laboratories della celebre saga di Portal, sebbene la loro atmosfera surreale sia inarrivabile.

Il gameplay

SUPERLIMINAL è suddiviso in aree dove dovremo manipolare oggetti e raggiungere l’uscita per accedere all’area successiva.

Il concetto di base è molto più difficile da spiegare a parole che da comprendere all’interno dell’esperienza di gioco. Nel mondo reale, per le regole della prospettiva, la percezione della grandezza di un oggetto è proporzionale alla distanza da cui lo stiamo guardando. Ma se nel gioco raccoglieremo da molto vicino un oggetto – che quindi appare grande ai nostri occhi – e lo rilasceremo lontano da noi questo non cambierà la propria dimensione.

Potremo quindi ingrandire o rimpicciolire gli oggetti raccolti a nostro piacimento giocando sulla percezione visiva che abbiamo di essi.

Due pulsanti da schiacciare ma un solo oggetto? Nessun problema, basta ingrandirlo a dismisura.

In alcuni casi ci verrà inoltre chiesto di osservare immagine prospettiche posizionandoci nella giusta angolazione. Gli oggetti rappresentati da queste immagini si materializzeranno davanti ai nostri occhi.

Potremo così manipolarli in base alle nostre esigenze o semplicemente spostarli per rivelare una via d’uscita.

Questo Re “incastonato” nella parete intralciava la nostra strada.

Conclusioni

SUPERLIMINAL è uno di quei titoli indie che spiccano per originalità e qualità di esecuzione. Dopo un travagliato sviluppo nel quale il gioco ha cambiato anche nome, i Pillow Castle hanno rilasciato un autentico capolavoro. Peccato per la durata – limitata a 5 ore – e la trama poco consistente, dettagli comunque trascurabili tenuto conto del prezzo a cui viene offerto il prodotto.

Stupefacente

SUPERLIMINAL si è rivelato un prodotto che spicca per originalità e qualità di esecuzione come solo un prodotto indie sa fare. Giocare con la prospettiva e prendersi gioco della percezione visiva degli oggetti non ha prezzo (o forse si!).

8.5
SUPERLIMINAL:
8.5
SUPERLIMINAL, la Recensione ultima modifica: 2019-11-22T11:00:36+01:00 da Theezan

Rispondi