Giochi Indie Recensioni Giochi PC & Console

Starsector – Recensione: l’infinito secondo Fractal

Starsector - Recensione

Starsector è uno strategico gestionale con una profonda radice RPG. Ambientato nello spazio profondo, il titolo è in sviluppo dal 2013 e ad oggi non supporta l’Italiano.

Il gioco è ancora in fase di sviluppo.

Imparare le basi

Si parte, come in tanti titoli del genere, con l’apprendimento delle meccaniche base da una serie di tre tutorial. Immediatamente avremo una prima scrematura dell’utenza. La profondità assieme alla specificità del titolo, richiederanno non poca attenzione per portare a termini tutte le articolate fasi tutorial.

Starsector - Recensione

Una volta padroneggiate le nozioni basi per il controllo della nave spaziale e la gestione dei combattimenti saremo pronti a calarci nel profondo del sistema.

Purtroppo la mancanza dell’italiano pesa se non si conosce almeno in parte la lingua supportata (Inglese). Il titolo di base è di una difficoltà elevata, che può accrescere la sensazione di frustrazione se non si conoscono bene alcune meccaniche da apprendere con i tutorial.

Una vita tra le stelle

Una volta in sella alla nostra astronave, arriverà il tempo di fronteggiare l’infinità dello spazio aperto. Starsector è da considerarsi a tutti gli effetti un open-world molto esteso e vario. Il circostante appare come un quadro fantascientifico molto credibile e sempre vivo.

Starsector - Recensione

Nelle fasi iniziali potremo selezionare che ruolo interpretare tra i corpi celesti, potremo essere spietati cacciatori di taglie, mercenari o semplici esploratori. La scelta influirà direttamente sull’esperienza della partita, generando eventi, pericoli e missioni varie seppur non caratterizzatissime.

Lo spazio in Starsector è appunto suddiviso in settori. Tutti visitabili e tutti appartenenti a diverse tipologie di elementi descrittivi. Lo spostamento tra un settore ed un altro avviene con una specie di salto iperspaziale molto classico nel genere fantascientifico.

Nel corso dei viaggi ci si potrà imbattere in una moltitudine di corpi celesti colonizzati e non, su cui potremo stabilirci, estrarre risorse oppure semplicemente rifornirci per il viaggio seguente. Spesso accadrà di approcciare settori sotto controllo di altre delegazioni, che non mancheranno di farcelo sapere.

Starsector - Recensione

Una progressione spaziale

Il sistema di progressione è semplice alla base quanto elaborato poi nella sua ramificazione. Si tratta di guadagnare punti esperienza da spendere poi nel’albero delle tecnologie che è suddiviso in quattro macro-categorie:
Combattimento, Tecnologia, Leadership e Industria.

Starsector - Recensione

Il combattimento è alla base di Starsector, e rappresenta il perno su cui ruota l’intero sistema. Le meccaniche più elaborate sono certamente relative alle battaglie, che risultano abbastanza varie con l’implementazione di nuove tecnologie e armi. Alla lunga tende alla ripetitività, ma è una deriva figlia del genere che nemmeno questo Starsector riesce a sfocare.

Starsector

Un titolo che mostra il suo potenziale, e riesce a rapire il giocatore grazie alla sua profondità e il suo carattere sci-fi molto rispettoso. La difficoltà di base può scoraggiare i giocatori più arcade, specialmente nelle prime fasi di gioco, e se non si padroneggia l’inglese. Il titolo però è valido e pregno di cose da vedere ed interpretare. Graficamente gradevole seppur il peso degli anni si intraveda, specialmente del design delle navi e nell’interfaccia.

Il lavoro di Fractal Softworks è encomiabile per passione espirito infuso al progetto che merita indubbiamente attenzione.

Sorprendente

Il titolo di Fractal Softworks si distingue per un offerta ben confezionata e sopratutto lontana da quella brutta abitudine che sta attanagliando il genere strategico gestionale che impone meno profondità nelle meccaniche per non scoraggiare i neofiti del genere.

7.5
Starsector:
7.5
Starsector – Recensione: l’infinito secondo Fractal ultima modifica: 2019-03-13T10:00:41+02:00 da Giganico

Rispondi