Recensioni Giochi PC & Console

Silence sbarca su Nintendo Switch – Recensione

Silence
Tempo di lettura: 4 minuti

Recensione di Silence basata sulla copia gentilmente fornitaci da Renaissance.

Silence è il seguito dell’acclamata avventura grafica The Whispered World, rilasciata da Daedalic Entertainment nel lontano 2009. Il seguito si è fatto aspettare e ha visto la luce per PC, Xbox One e PS4 negli ultimi mesi del 2016. A poco più di due anni di distanza, lo sviluppatore tedesco ha deciso di portare la sua avventura anche sulla console di casa Nintendo ed è disponibile sull’eShop dal 3 di aprile.

Per la stesura di questo articolo si è evitato di descrivere il collegamento tra la fine del primo titolo e l’inizio del secondo al fine di evitare spoiler ai lettori.

Ritorno al “Whispered World”

All’inizio dell’avventura incontreremo i due personaggi di cui vestiremo i panni durante la storia: il sedicenne Noah e la sua sorellina Renie. I due vengono sorpresi da un bombardamento aereo e si nascondono in un rifugio ma vengono colpiti.

Silence, aerei
Gli aerei del bombardamento che avviene nel prologo.

Al loro risveglio dalla deflagrazione i due si ritroveranno separati e catapultati in Silence, un mondo che si trova a metà strada tra la vita e la morte, lo stesso mondo che abbiamo visitato nel primo titolo della saga vestendo i panni del clown Sadwick.

Silence, veduta
Una veduta di Silence: gli sfondi disegnati a mano sono di incomparabile bellezza

La Falsa Regina

Dopo le vicende vissute con Sadwick in The Whispered World, il mondo di Silence è caduto nella grinfie della Falsa Regina che dal suo castello ha sguinzagliato mostri senza volto – i Cercatori – che uccidono la popolazione con lo scopo di trovare un oggetto bramato dalla loro padrona.

Silence, Seeker
Il nostro primo incontro con un Cercatore durante la storia.

Vecchi amici

Noah e Renie, alla ricerca di un modo per tornare nel loro mondo,si ritroveranno ben presto invischiati nella battaglia che imperversa per le strade di Silence. Ma non saranno soli, al loro fianco il fedele bruco Spot, già incontrato nel primo titolo, in grado di mutare forma e venire in aiuto dei nostri amici.

Silence, Spot
Spot è senza dubbio il personaggio più simpatico dell’intera saga.

Puzzle ed enigmi

Il gameplay di Silence è quello classico dei punta e clicca: al fine di progredire nella storia dovremo risolvere gli enigmi e i puzzle che troveremo sulla nostra strada.

Questi non saranno mai troppo impegnativi e la soluzione sarà sempre circoscritta in poche schermate di gioco. Inoltre, se dovessimo essere in difficoltà, schiacciando un tasto il gioco evidenzierà tutti gli oggetti della schermata con cui potremo interagire ed in alto apparirà un suggerimento su come progredire.

Senza dubbio queste caratteristiche faranno storcere il naso agli appassionati di avventure grafiche, ma rendono il titolo approcciabile senza problemi anche dai neofiti di questa categoria.

Silence, faro
Daedalic stupisce sempre per la bellezza delle sue ambientazioni.

La versione per Nintendo Switch

Il porting per la console di casa Nintendo non ha nulla da invidiare per quanto riguarda la qualità della grafica. La bellezza degli sfondi disegnati a mano è senza dubbio esaltata giocando l’avventura in modalità portatile .

Abbiamo però notato che soffre di numerosi cali di framerate che non vanno comunque a inficiare la giocabilità del titolo.

In alcune schermate abbiamo poi avuto difficoltà a interagire con alcuni oggetti in quanto la selezione tramite stick risulta ovviamente scomoda in questa categoria di videogiochi.

Una storia commovente

Silence è una storia dolce e commovente che vi saprà sicuramente regalare delle emozioni. Non consigliamo però di giocarlo senza prima aver finito The Whispered World, che ne è un prologo imprescindibile.

Non abbiamo infatti compreso la scelta di Daedalic di pubblicare il secondo capitolo della saga su Nintendo Switch senza convertire anche il primo. La cosa migliore sarebbe stata un bundle con entrambi i titoli, soprattutto visto che la durata di Silence si aggira sulle sole 8 ore.

Silence, nave
Daedalic ci porterà nuovamente nel magico mondo di Silence?

In caso vogliate farvi affascinare per qualche ora da Silence, potete trovare qui la versione per Nintendo Switch.

Silence sbarca su Nintendo Switch – Recensione ultima modifica: 2019-04-17T17:00:07+02:00 da Theezan

Rispondi