Giochi Indie Recensioni Giochi PC & Console

Portal Knights, la nostra recensione

Portal Knights Logo
Tempo di lettura: 2 minuti

Portal Knights è un divertente titolo sandbox action-RPG che unisce elementi di esplorazione e crafting di giochi come Minecraft e Terraria con un sistema di combattimento che prende ispirazione da quello di The Legend of Zelda e Dark Souls, il tutto caratterizzato da una forte componente RPG. Sviluppato da Keen Games (software house di Francoforte) e pubblicato da 505 Games.

Titolo altisonante con un comparto grafico alquanto colorato e spensierato  guarniscono un gameplay abbastanza basilare, di primo acchito, ma solido.

Fin dal menù si percepisce la massiccia volontà di creare qualcosa di semplice da gestire ma abbastanza profondo da comprendere.

Permane forte la sensazione di gioco “mobile”, pulsanti enormi a schermo e una quantità di opzioni davvero scarsa ci accompagnano fin dalla creazione del personaggio, che prevede praticamente solo una manciata di acconciature per barba e capelli subito dopo aver selezionato sesso e classe, anche qui al momento solo 3 (mago, arciere, guerriero).

Portal Knights Multi

Creato il personaggio ci troveremo a dover generare un universo, tramite il classico seed, e verremo subito catapultati nel sorridente mondo o “isolotto” di partenza.

Ad accoglierci, come ci si aspettava, colori sgargianti e texture di buona qualità che riempiono gradevolmente la vista, lasciando spazio veramente a poche critiche sotto questo aspetto. Le note dolenti arrivano subito dopo, appena faremo l’abitudine a quel mondo colorato ci renderemo subito conto della costanza e della monotonia che ci circondano.

L’incipit narrativo di Portal Knights trasforma quello che parrebbe un ennesimo clone di Minecraft in qualcosa di più, infatti saremo portati all’esplorazione per recuperare i giusti materiali per poter riparare i portali presenti in ogni singolo schema per passare a quello successivo, ma si ferma a questo.

Portal Knights Split

Il vero punto forte è quel valore aggiunto che lo avrebbe portato ad essere un must, ma che a tratti risulta veramente troppo complesso; un crafting veramente espanso che però risulta a tratti frustrante colpa forse una quantità di materiali spropositata da gestire.

La componente GDR, purtroppo, viene soltanto accecata e lascia spesso un senso di vuoto, soprattutto quando, in modalità cooperativa, ci si troverà di fronte uno dei vari boss che potremo trovare esplorando i mondi, nessuna classe ha abilità particolari se non lievi differenze in fatto di gameplay: tutte le classi risultano altrettanto efficaci in tutte le circostanze, molto agevolate le glassi high range da un auto lock dei nemici che fa perdere tanto del aspetto action del titolo.

Non nego che avevo grosse aspettative da Portal Knights, tanto da portarmi all’acquisto già diversi mesi fa della versione beta; molto lavoro è già stato fatto, altro probabilmente arriverà con future patch, ma sono certo che il titolo potrà appagare chi è in cerca di un gioco leggero magari da fare in compagnia.

Consigliato a chi vuole un gioco leggero e divertente da giocare in compagnia

Tutto sommato un titolo dal gran potenziale, almeno sulla carta, realizzato per un target che cerca qualcosa di semplice da padroneggiare, ma nulla di più. Perde tanta della sua profondità non gestendo al massimo la componente GDR e crafting.

6.5
Portal Knights:
6.5
Portal Knights, la nostra recensione ultima modifica: 2017-06-10T17:16:42+02:00 da Sapphire

Rispondi