L'editoriale dei Gamers

PlayStation 5, SSD e 10Tflop di potenza variabile

Tempo di lettura: 4 minuti

L’annuncio della PlayStation 5 ha generato parecchi pareri contrastanti. Chi si aspettava una console da 13 teraflops, necessari per surclassare la Xbox Series X, ha dovuto accontentarsi di poco più di dieci come picco. Lo spazio di archiviazione, ridotto a 825GB, potrà contare su un SSD ad altissime performance, su cui però stanno sorgendo i primi dubbi. Per molti sviluppatori Sony l’azienda nipponica rivoluzionerà il modo di concepire i giochi, ma come?
Andiamo con ordine.

Teraflops

Teraflops è un’unità di misura utilizzata per misurare le prestazioni di calcolo dell’unità a virgola mobile di un processore. Sony ha dichiarato 10.28 TFlops di potenza massima per la nuova console sottolineando che questo valore sia variabile. Prendendo come esempio un’automobile, per quanto il paragone possa stare un po’ stretto, è come dire la velocità massima di quest’ultima sia 190km/h. Questo valore è il picco del mezzo che, se tenuto costante, potrebbe nel breve periodo danneggiare il motore. Dalle ultime informazioni trapelate sembrerebbe che il picco della Series X sia di 14TFlop. Microsoft ha voluto comunicare, come da sempre nel mondo delle console, il valore costante, quello che verrà utilizzato da tutti gli sviluppatori.

Di fatto la console Microsoft potrebbe erogare più potenza, ma ne accorcerebbe a durata dei componenti interni proprio come un’automobile. Nessun sviluppatore, neanche quello Sony, penserebbero mai di sviluppare un gioco che sfrutti costantemente i picchi della console quindi sarebbe opportuno conoscere il valore reale della Ps5. A qui si aggiunge il discorso CU, computer unit, dove la storia recente insegna che le 12CU a 853Mhz della Xbox One contro le 18CU a 800MHz della Ps4 abbiano dato un considerevole vantaggio alla console Sony. Nonostante la frequenza delle 36CU della Ps5 sia davvero elevata, 2.23Ghz contro i 1.825Ghz della Series X, parliamo di 36CU contro 52. Nella passata generazione 6CU hanno scavato un bel solco, soprattutto nei primi titoli, qui ballano 16CU a favore della console Microsoft.

Altro aspetto da considerare è che il clock delle schede video AMD non sempre porta i benefici sperati, più si sale più i miglioramenti si attestano introno a poche percentuali secondo recenti report (cosa da verificare e confermare comunque al lancio della console).

La magia sconosciuta degli SSD

Sony ha optato per un SSD semplicemente eccezionale, per non dire assurdo, dentro la futura console. Poco più di un anno fa decisi di rifarmi il desktop spendendo la modica cifra di mille euro più spiccioli. La configurazione finale prevedeva ovviamente un SSD ma, seguendo la logica comune, ho preferito investire di più sulla scheda grafica, una 1070ti, una buona Ram, totale 16GB ed un buon processore. Ovviamente anche per quest’ultimo non ho preso l’ultimo grido, ma nella sua globalità il PC risulta tuttora ben bilanciato.

È proprio questo aspetto che non torna nella futura console Sony che appare sbilanciata con un SSD decisamente spropositato per quanto ha da offrire la console. La Series X ha già dimostrato di poter caricare velocemente e permettere il passaggio da un gioco all’altro in una manciata di secondi. La PlayStation 5 farà anche meglio, ma i benefici del super SSD finiranno qui. Vero che nuovi sviluppi potranno trovare soluzioni interessanti per sfruttare il nuovo disco, ma parliamo sempre di uno storage presente in quante console? In quanti PC esiste una soluzione simile? Gli sviluppatori tendono a tenere un approccio che sfrutti al meglio la tecnologia più diffusa ed un SSD come quello presente sulla Ps5 al momento non è disponibile.

Sviluppatori Sony

A dare man forte alla nuova console ed alle parole di Cerny non potevano mancare alcuni volti noti del settore. PlayStation 5 sarà un ottima console, con le consuete esclusive di livello, ciò nonostante ho trovato inopportuno enfatizzare una possibile rivoluzione nel modo di concepire i giochi. La Series X sarà anch’essa dotata di un SSD ed avrà 12Tflop fanno così schifo? Da quando lo storage è diventato più importante della GPU per quanto concerne i giochi? La tecnologia SSD porterà benefici ad entrambe le console e faccio veramente fatica a vedere questo cambiamento radiale a livello di frame rate e qualità grafica.

Il Ray Tracing necessita di potenza computazionale non di uno storage super veloce almeno che AMD non abbia creato qualcosa di totalmente differente dalla soluzione Nvidia. PlayStation 5 cambierà parecchio nel mondo videoludico, ma la Series X farà altrettanto se non meglio data la maggiore potenza attualmente riportata.

Rimandati a novembre

Aspettando le ultime informazioni e qualche ritocco le due console sono attese per novembre ed io consiglio vivamente di prendere la console war come puro divertimento e diletto. Io mi butterò su entrambi i sistemi perché non potrò fare a meno delle esclusive Sony, ma allo stesso tempo i servizi di Microsoft sono assolutamente il top. L’azienda di Redmond ha in canna anche delle belle sorprese dopo gli acquisti di svariati studi di sviluppo.

Quello che chiedo è trasparenza e professionalità, non sarò un genio dell’hardware ma sono quasi trent’anni che pasticcio con PC e console e qualcosa mi sarà pur entrato in testa…

See you next time buddies

PlayStation 5, SSD e 10Tflop di potenza variabile ultima modifica: 2020-03-26T10:30:00+01:00 da Jena Plissken

Rispondi