Recensioni Giochi PC & Console

Persona 5 – La nostra recensione3 minuti lettura

Persona 5

Tokyo, cultura giapponese e anime

Abbiamo finalmente provato Persona 5 e vi diciamo subito che è complessivamente uno dei migliori giochi giapponesi usciti finora su Playstation 4! Chi vi scrive è abbonato a Crunchyroll, è cresciuto a pane e Anime Night grazie a MTV e ancora oggi segue “season by season” le nuove uscite di anime, vedendone almeno 2 / 3 a stagione. Questa premessa è importante, perché probabilmente sono stato influenzato sia dalla cultura nipponica (non vi ho detto che il mio sogno è tra qualche anno andare in Giappone e parlare giapponese…), sia da tanti anime del genere “slice of life”, “psicologico” e “romance”.Persona 5 anime

Persona 5 si presenta immediatamente come uno spaccato della realtà nipponica rappresentato dal forte contrasto dal dettaglio delle luci e dalla spersonalizzazione degli npc. Senza voler scrivere un trattato di sociologia – per il quale non avrei assolutamente le conoscenze – vivremo in una Tokyo viva, vera, ma allo stesso tempo chiusa nella rigidità estrema delle regole: un esempio sono le code ordinate e precise che si formano per entrare in metrò. Non so chi di voi abbia mai preso la metro a Milano, ma vi assicuro che il detto che regna è “mors tua vita mea”… Almeno negli orari di punta.

Una regia sapiente saprà mostrarci parti essenziali della società giapponese (la timidezza in primis), vivendo appunto la vita “normale” di un ragazzo giapponese al secondo anno delle superiori. Take your Time è la scritta che esce tra un caricamento e l’altro, quasi a voler ricordarci di soffermarci e riflettere su quanto accaduto. Una pratica funzione di log ci permetterà di salvare frasi e momenti importanti, che poi ci verranno riproposti nel corso dell’avventura. Non ci sarà mai una risposta giusta o sbagliata (o meglio, a volte ci viene riproposto di riflettere prima di rispondere, sopratutto parlando con Igor), bensì un modo di approccio diverso alle varie situazioni.

Persona 5 - Igor
Attenzione a come risponderete..

Una storia interattiva, un libro next gen?

Non voglio fare alcuno spoiler per cui vi dirò che se non vi piace leggere (e sopratutto se non avete un discreto livello di inglese) Persona 5 difficilmente farà per voi. Ci saranno davvero tanti testi da leggere, l’interazione tra personaggi sarà caratterizzante per la trama e per delineare appieno i vari attori. Come in un anime “Slice of Life” vivrete i vari momenti della giornata, sapientemente miscelati dalla regia al fine di non rendere monotone le sequenze. Un pratico sistema di “viaggio rapido” vi porterà nei luoghi necessari, mentre un tutorial approfondito e in più parti vi aiuterà ad affrontare le parti più GDR.

Ma quanto è viva la città intorno a noi!

Tokyo vive intorno a noi, le metro saranno piene, i ragazzi nei corridoi della scuola chiacchiereranno e si sposteranno con criterio. Insomma le varie location vi trasmetteranno davvero una sensazione di essere un ragazzo giapponese delle superiori. A differenza dei soliti npc che parlano solo se interpellati qui ascolterete discorsi compiuti semplicemente accostandovi a loro.
Graficamente Atlus ha fatto un grande lavoro alternando i video in CG con parti anime. Il cell shading utilizzato per i personaggi e dei mostri nonché lo stile unico contrastano con un sistema di combattimento a turni estremamente canonico nei jrpg, ma allo stesso tempo divertente e di facile apprendimento.

Persona 5 la scuola
KAMOSHIDAAAAAA

Le musiche jazz funk riescono appieno a immergersi nell’atmosfera creata da Atlus in Persona 5. Sicuramente più maturo e completo dei precedenti, sempre apprezzati, ha quel fattore di ossessione e assorbimento che solo i grandi giochi sanno comunicarci.

Non fatevi fermare dalla lingua inglese, perdereste il miglior jrpg su piattaforma Ps4 finora uscito.

P.S. Persona 5 è disponibile anche in versione PS3.

Persona 5 Shibuya
…uno spaccato della realtà nipponica rappresentato dal forte contrasto dal dettaglio delle luci e dalla spersonalizzazione degli npc…

E ora che abbiamo finito con Persona 5, perché non dare un’occhiata ai prossimi JRPG in uscita a breve? Si prospetta un’estate bollente tra Utawarerumono, la versione remastered di Final Fantasy XII The Zodiac Age, la Complete Edition di Disgaea 5.

Seguiteci anche su Facebook per le quick news e su Twitter per il nostro volto internazionale.

JRPG dell'anno

Persona 5 riesca nell'intento di farci immergere nella cultura giapponese e nella vita quotidiana di un adolescente. Tematiche mature, musica jazz funk e anime ci accompagneranno nel miglior JRPG dell'anno. Take your time!

9.5
Persona 5:
9.5
Persona 5 – La nostra recensione3 minuti lettura ultima modifica: 2017-05-13T17:57:01+02:00 da Sapphire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *