Giochi Indie Prossime uscite Ps4 Prossime Uscite Switch Prossime Uscite Xbox Recensioni Giochi PC & Console

King of Seas – la Recensione del nuovo prodotto di 3DClouds9 minuti lettura

King of seas

La nuova fatica di 3DClouds, team di sviluppo italianissimo, è King of Seas, prodotto in uscita il 25 maggio su tutte le piattaforme e pubblicato da Team17, che abbiamo avuto l’onore di provare in anteprima per voi. Vi lasciamo alla recensione del prodotto.

Siamo soli in mezzo al mare

Siamo uomini di mare, un’intera ciurma di ufficiali e mozzi, in marcia verso un obiettivo e con la speranza di un ritorno mentre la tempesta avvolge la nave con le sue saette ed un Kraken distrugge i resti di una nave che contiene i nostri sogni. King of Seas è un racconto di rinascita. King of Seas è un racconto di rivincita senza pregiudizi. King of Seas è un racconto di speranza.

Nell’universo di King of Seas, la sete di potere degli uomini mi ha condotto in un viaggio incantevole attraverso porti e scogli, tentando di non bombardare ogni nave che incrociava la mia via ma cadendo spesso nella tentazione piratesca di arricchire il mio inventario e le mie tasche. E ad ogni fermata presso un centro di interesse, ad ogni spedizione, io e Marylou siamo stati spinti ad acquistare merci, a contrattare con chicchessia per spillare l’offerta migliore, a bere del rum gustandoci una coscia di pollo gustosa.

E poi c’erano i combattimenti. I Pirati contro l’Armata Reale, i Pirati contro la Compagnia dei Mercanti. Ogni combattimento ha messo a dura prova le mie abilità e, come se fosse una guerra di nervi od una partita di scacchi, da ogni vittoria uscivo con le ossa rotte, necessitando sempre di un kit di riparazione o un villaggio per riposare e permettere alla nave di rifarsi bella e vegeta. Però è stato gratificante. Uscire da uno scontro a fuoco, a colpi di cannoni e abilità fantasy (ci torneremo), permetteva di leccarsi le ferite avendo preso maggiore consapevolezza della forza propria e dell’imbarcazione.

SafariGames Italia King of Seas - la Recensione del nuovo prodotto di 3DClouds 3DClouds, Indie Games, King of seas

Tu quoque, Brute, fili mi!

Siamo partiti con una maglia diversa da quella nera. Abbiamo il sangue blu, siamo discendenti diretti dell’Imperatore dei Mari, eredi pronti ad indossare un diadema al raggiungimento della maggiore età. Ed ecco il tradimento. Una spedizione banale quanto bastarda ci illude che il gioco consista nella semplice avventura per la difesa della dinastia di un rampollo di corte, magari messa a repentaglio proprio da quei pirati che vivono ai margini della società marittima. Invece no. All’improvviso diveniamo traditori, autori materiali di un crimine evidentemente commesso da altri. Il burattinaio che si nasconde nell’Armata Reale è pronto ad imporsi nell’Impero, soprassedendo alle regole successorie mentre trama all’insaputa di tutti. Il tradimento è compiuto.

Da eroi diveniamo prede. Da primi della classe diveniamo reietti meritevoli di morte. Il parricidio ha scatenato l’odio e la sete di giustizia nei nostri confronti, ha interrotto la discendenza privandoci di un futuro glorioso.

SafariGames Italia King of Seas - la Recensione del nuovo prodotto di 3DClouds 3DClouds, Indie Games, King of seas

La rinascita

Ed allora ecco che i fuggitivi scappano. E se è vero che quando sei all’inferno solo il Diavolo può salvarti, quando sei in mare aperto, spoglio di tutti i poteri e di tutte le forze, solo i Pirati possono aiutarti. Ed è a loro che affidiamo la nostra rinascita. A chi forse è reietto quanto noi, esiliato dalla società e costretto ai margini per volere dell’Impero, noi diamo in mano il nostro futuro e le nostre rivincite. Ripartiamo senza nulla da Eagle’s Den, con in tasca una sete di vendetta e tristezza. Perché siamo stati uccisi dalla mano di chi ha già ucciso. Pronti, quindi, a far sventolare la Jolly Roger nei mari, ripartiamo senza una meta con l’unico intento di cercare la verità.

Cos’è King of Seas

Messo da parte il lato narrativo (anche per non incappare in spoiler crudeli), veniamo a trattare del lato puramente tecnico del titolo che 3DClouds e Team17 ci hanno permesso di provare in anteprima.

Come già evidenziato in questo precedente “Aspettando”, King of Seas è un prodotto action-rpg, singleplayer che presenta un mondo procedurale, con grafica cartoonesca e isometrica a telecamera fissa, esplorabile con l’utilizzo esclusivo delle cinque imbarcazioni presenti nel titolo, che si differenziano in base alla grandezza, alla velocità di navigazione, alla capacità di carico ed alla potenza di fuoco, nel quale il/la protagonista, tra una mitragliata e l’altra, dovrà portare a termine una grande quantità di quest.

Lato gameplay, il sistema di navigazione è intuitivo. Attraverso i tasti R1/L1 la nave spiega o dispiega le tre vele presenti in modo graduale al fine di aumentare o diminuire la velocità della imbarcazione. Inoltre, per quanto riguarda il sistema di combattimento, con L2/R2 è possibile utilizzare i cannoni laterali presenti sulla nave per colpire le navi nemiche, caratteristica da abbinare alla possibilità di cambiare il tipo di proiettili da utilizzare mediante la freccetta di destra.

Molto presente la componente fantasy, in King of Seas ci è concesso di implementare delle features da sfruttare durante il combattimento mediante l’utilizzo dei tasti triangolo – quadrato – cerchio – X. Dalla possibilità di far emergere un Kraken dal mare per colpire una nave nemica, sino alla creazione di un cerchio di fuoco nel quale le imbarcazioni verranno colpite da una pioggia di proiettili passando per l’opportunità di sublimare in una specie di nave fantasma, queste aggiunte saranno indispensabili raggiunto un determinato livello per avanzare ed evitare che una qualunque nave del nostro livello ci schiacci.

Sul piano ruolistico, il titolo presenta inoltre un albero delle abilità dettagliato, sbloccabile avanzando nell’avventura, con la possibilità di investire punti talento per agevolare determinate prestazioni o, più semplicemente, per diminuire il costo di determinate attività. Il giocatore potrà, quindi, potenziare il danno del cannone progressivamente o far sì che sia agevolato il commercio nei villaggi o, addirittura, rendere la nave una scheggia impazzita nel mare aumentandone la velocità di navigazione e di sterzata.

SafariGames Italia King of Seas - la Recensione del nuovo prodotto di 3DClouds 3DClouds, Indie Games, King of seas

Cosa c’è nel mare?

Sebbene io abbia apprezzato il titolo in quasi tutte le sue componenti e caratteristiche, la navigazione mi ha fatto emozionare. Tante sono state le ore perse ad esplorare il mondo di gioco, alla ricerca di loot, di un componente della ciurma, di un cartografo dal quale acquistare pezzi di mappa (cercare di colorare la nostra mappa con tutti i villaggi è un obiettivo lungo ma soddisfacente considerando che la mappa viene generata casualmente all’inizio di ogni nuova partita) o anche solo alla ricerca di uno scorcio visivamente bello, magari sfruttando il ciclo giorno-notte per scattare qualche foto. Navigare in questo gioco è appagante tanto che gli ostacoli e le peripezie del mondo diventano belli da affrontare e anche fermarsi per pescare solo per completare l’elenco di pesci da possedere può essere divertente. Ammetto che durante la navigazione ho sentito, a tratti, il bisogno di avere un compagno di viaggio col quale dividere il bottino e assaltare le navi nemiche; ma sono fiducioso, 3DClouds ha promesso implementazioni e supporto post-lancio al titolo.

L’artiglieria navale

Poi c’è il combattimento, la meccanica più divertente del titolo. Bombardare le navi nemiche ha sempre avuto un poetico e coinvolgente lascito sebbene non neghi di essere morto diverse volte, soprattutto quando la mia testardaggine si è scontrata con navi di livello notevolmente superiore. La strategia è importante in battaglia, e va preso in considerazione sia la schivata dei colpi dei nemici e sia il nostro tempo di sterzata e affiancamento laterale per poter sganciare le palle di cannone dalla fiancata.

Inoltre, ogni nave nemica ha una caratteristica in battaglia e precisi punti deboli da sfruttare pertanto è importante preparare lo scontro a fuoco anche considerando il vento del mare e gli ostacoli attorno a noi. Ovviamente la nave turistica che si incrocia spesso nel mare non possiede né la preparazione, né la ciurma e né la potenza di fuoco per affrontare una battaglia all’ultimo sangue ma, con certezza, una possente nave militare dell’Armata Reale sì e, dunque, occhio a sparare a raffica o sottovalutare lo scontro.

Compro-vendo e secondarie

E quando ci si ferma in un porto, che sia per acquistare un potenziamento per la nave o per commerciare al mercato o depositare i materiali in banca per evitare di ingolfare l’inventario, c’è sempre l’esigenza di provare a strappare il miglior prezzo, in considerazione del fatto che ogni cittadina produce beni di consumo o materiali in modo differente, pertanto bisogna porre enorme attenzione a non acquistare/vendere di fretta i propri prodotti, ponderando quale sia il mercato più conveniente.

Inoltre, nella taverna sarà possibile reclutare personale per l’imbarcazione, necessario per aumentare il potere di fuoco dei cannoni, e accettare le varie quest secondarie. Una postilla sulle missioni secondarie: non sono varie, non sono poi tanto complicate, a volte si limitano a semplici fetch quest, però sono necessarie per le ricompense che danno, che sia denaro o punti esperienza, e, comunque, sono piacevoli da portare a termine.

SafariGames Italia King of Seas - la Recensione del nuovo prodotto di 3DClouds 3DClouds, Indie Games, King of seas

Per concludere, King of Seas mi ha preso, mi ha colpito piacevolmente per la discreta longevità, per la varietà dei modi con cui possono essere portare a termine le missioni e per la sua semplicità. King of Seas è un gioco semplice, non a livello di difficoltà, bensì qualitativamente quando semplicità non è sinonimo di superficialità. King of Seas è un titolo rilassante, adatto per i player che cercano un prodotto valido, a basso costo e divertente. A livello tecnico, King of Seas si presenta stabile, con un complesso sistema di guida della nave che necessità, come già affermato dal team di sviluppo, dell’utilizzo del pad. La speranza, per aumentare la longevità del prodotto, è che il supporto post lancio porti una diversità nelle missioni secondarie e, magari, la presenza di una modalità coop.

TITOLO: King of Seas
SVILUPPATORE: 3DClouds
EDITORE: Team17
PREZZO: 29,99 euro
LOCALIZZAZIONE: Disponibile in italiano
MULTIPLAYER: Assente
CO-OP: Assente
SUPPORTO AI CONTROLLER: Disponibile
OBIETTIVI: Disponibili
DISPONIBILE SU: PS4, Xbox One, Nintendo Switch, PC
DATA DI RILASCIO: 25 maggio 2021

Il Re dei mari merita una promozione

Si. King of Seas è un titolo già visto, forse troppo semplice e antico rispetto ai tempi moderni che ci vogliono necessariamente proiettati verso una next-gen che non arriva mai. Eppure mi sento di promuovere il titolo, di incoraggiare lo sviluppo nostrano soprattutto quando il prodotto finale è valido e robusto. Al netto di una ripetitività presente, ma quasi necessaria, King of Seas vi farà divertire, gioire e provare emozioni, vi farà rilassare e testerà le vostre capacità ruolistiche. Buon divertimento.

8
King of Seas:
8
King of Seas – la Recensione del nuovo prodotto di 3DClouds9 minuti lettura ultima modifica: 2021-05-24T15:00:00+02:00 da Aornik

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *