Cosa vorremmo da

Il Fallout che verrà – Fallout 76

Il fallout che verra
Tempo di lettura: 2 minuti

Come un fulmine a ciel sereno è arrivata la notizia di un nuovo e misterioso capitolo di Fallout. La procedura di lancio è similare a quella vincente che portò all’annuncio del quarto capitolo nel Novembre 2015. Il titolo fi nda subito ha generato un’Hype incontrollabile e che è destinato ad aumentare almeno fino alla conferenza Bethesda alle E3 di Los Angeles.

Fallout 76

Sui vari social si sono rincorse congetture e voci a non finire. Un numero sconvolgente di commenti e apprezzamenti che fanno capire quanto il brand di Fallout sia apprezzato nel panorama videoludico.

Sulle note di una bellissima cover di Take Me Home, Country Roads cominciamo a conoscere questo nuovo capitolo; Fallout 76. Un Vault deserto, addobbato per una festa. Un misterioso personaggio, un pip-boy indossato con fermezza e niente di più.

Cosa si capisce dal filmato?

Proviamo ad estrapolare qualche dettaglio:

  • La canzone in sottofondo cita chiaramente lo stato Americano della Virginia Occidentale. L’autore della canzona, Mr. John Denver, chiede nel testo di essere riportato a casa, appunto in West Virginia. Lo stato citato si trova esattamente in mezzo a quelli Stati anglofoni definiti come Commonwealth. (Kentucky, Massachusetts, Pennsylvania e Virginia.) Che il nuovo gioco sia ambientato proprio in West Virginia?
  • Una locandina affissa al muro del vault riporta 1776 – 2076, facendo intendere che nel vault si stesse festeggiando tricentenario degli Stati Uniti d’America. Fino a quel momento infatti i suddetti stati erano colonie Inglesi.
  • Il 76 sulla schiena del personaggio misterioso certifica il numero del Vault, che sarà per l’appunto il Nr 76. Citato in Fallout 3, doveva essere un Vault di controllo della Vault-Tec. Un terminale nella Cittadella lo descrive come Vault di controllo nella zona di DC, con 500 abitanti e programmato per aprirsi dopo 20 anni, spingendo gli abitanti alla ripopolazione dell’esterno. È menzionato anche da Giles Wolsencroft, un ufficiale della Vault-Tec che stava ispezionando il sito di costruzione, quando è stato rapito dagli alieni (Fallout 3 DLC – Mothership Zeta).
  • Guardando con attenzione, possiamo notare sul Pip Boy la data del 27 ottobre 2102, Quindi 25 anni dopo la la grande guerra nucleare del 2077. Un periodo troppo breve forse per potersi avventurare fuori dal Vault.

Fallout 76

Tutti gli argomenti trattati in questo articolo sono da prendere con le dovute cautele, in quanto Bethesda, non ha rilasciato nessuna informazione ufficiale post trailer.

Resta da fare i conti con l’attesa. La conferenza E3 di Bethesda è fissata per l’11 Giugno alle ore 3:30 (Ora Italiana)

 

Il Fallout che verrà – Fallout 76 ultima modifica: 2018-05-31T13:25:15+02:00 da Giganico

Rispondi