Anteprime Giochi PC & Console Giochi Indie

Here Be Dragons – Anteprima

here be dragons
Tempo di lettura: 4 minuti

Grazie alla chiave fornitaci da Red Zero Games abbiamo provato per voi in anteprima Here Be Dragons.

Capitani fuori di testa vs mostri marini

mostri

I libri di storia ci insegnano che nel 1492 Cristoforo Colombo scoprì le Americhe. Here Be Dragons ci svela come fu possibile, narrandoci le gesta di quei capitani mandati in avanscoperta e che spianarono la strada all’esploratore nostrano, ripulendo i mari da sirene, leviatani e altri mostri marini. Una missione così pericolosa che solo i capitani “più fuori di testa” accettarono. Scordatevi Nelson, scordatevi Jack Sparrow e date il benvenuto ad una serie di personaggi che sembrano usciti direttamente da un manicomio, e che daranno vita ad una serie di gag che vi allieteranno il viaggio.

gag

Here Be Dragons è molto più complesso di quello che sembra

Sviluppato da Red Zero Games, Here Be Dragons è uno strategico a turni in cui il nostro compito, come abbiamo detto, sarà ripulire i sette mari da tutte le creature mostruose che li popolano. Sebbene a prima vista il gioco possa sembrare semplice, Here Be Dragons si è rivelato molto più complesso e tosto di quello che ci aspettavamo.

mappa

Ogni missione che affronteremo sarà suddivisa in una serie di scontri. Questi avvengono, ovviamente, a turni e sono suddivisi in 3 fasi: salve, azioni ed effetti.

Here Be Dragons abilità

La prima fase, quella delle salve, è la fase “normale” in cui i contendenti fanno fuoco a turno. La seconda fase, quella delle azioni, è dedicata all’uso delle abilità. Ogni nave, ed ogni nemico, possiede una serie di abilità differenti che non sono però immediatamente utilizzabili ma vanno “sbloccate” usando dei dadi che tireremo all’inizio di ogni turno.

Here Be Dragons dadi

Ogni abilità richiede uno specifico numero e senza il dado corrispettivo non potrà essere attivata. Se, per esempio, lo slot di un’abilità riporta la scritta 2-5, vorrà dire che potrà essere attivata solo inserendovi un dado che vada dal 2 al 5. Nel caso non avessimo alcun dado che corrisponda alle nostre abilità subiremo 1 punto di danno. Nella terza ed ultima fase, si attiveranno eventuali effetti speciali connessi alle abilità o all’ambiente in cui ci troveremo (pozze acide, tormente, ecc.).

battaglie

Yahtzee! Dadi e marinai

L’uso dei dadi è molto più complesso di quello che sembra e cercheremo di riassumerlo brevemente. I dadi non solo attivano le abilità ma possono anche curare automaticamente le nostre navi, se segnati dall’icona del cuore, o aumentare il danno se segnati dall’icona del cannone. Le navi possiedono inoltre un modificatore d’attacco e di difesa che potrà essere aumentato durante i combattimenti allo stesso modo delle abilità, ovvero collocandovi il giusto dado. Se per esempio sotto l’icona della difesa ci sarà un 5, vorrà dire che per aumentare di 1 punto la difesa dovremo collocare nello slot un dado che abbia 5.

dadi e battaglie

Ma scordatevi di usare i dadi alla leggera. La somma dei dadi scelti determinerà, ad ogni turno, a chi spetta l’iniziativa nel combattimento. Una bilancia peserà i dadi dei giocatori e quello con i dadi più “leggeri” attaccherà per primo: un vantaggio non da poco. Potremo anche decidere di non usare alcun dado, soffrendo un punto di danno ma ottenendo l’iniziativa nello scontro.

enciclopedia mostri

Al momento di scegliere i dadi da usare dovremo anche riflettere bene su quali selezionare, cercando non solo di attivare le nostre abilità ma anche di impedire che il nemico possa usare le sue, “rubandogli” i dadi di cui ha bisogno e facendogli subire 1 punto di danno. La scelta sta a noi e sarà sempre bene ragionarci un’attimino.

inchiostro

Come se non bastasse, durante gli scontri potremo raccogliere bottiglie contenenti inchiostro. Questo ci darà dei punti che potremo usare per modificare i dadi. Potremo scegliere, per esempio, di rilanciare un dado, aumentare/diminuire un risultato, ma anche curare uno dei nostri vascelli e così via.

difesa

Uno strategico da seguire

Here Be Dragons è, come abbiamo detto, un gioco molto più complesso di quello che possa sembrare a prima vista e che richiede una buona dose di fortuna e strategia. La forte componente strategica, l’umorismo con cui è sceneggiato e lo stile grafico che ricorda quello di Don’t Starve, fanno di Here Be Dragons uno strategico a turni perfetto per gli amanti del genere. Non vediamo l’ora di provare la versione definitiva per scoprire quali altri capitani fuori di testa e quali mostri Here Be Dragons ha in serbo per noi.

Here Be Dragons – Anteprima ultima modifica: 2019-08-07T09:00:17+02:00 da Arka

Rispondi