News Giochi PC & Console

For Honor Marching Fire: I Nuovi Personaggi

Tempo di lettura: 7 minuti

Ormai nel lontano 2017 uscì un gioco di Ubisoft unico nel suo genere, che proponeva una simulazione, più o meno realistica, di combattimenti all’arma bianca.
Il gioco già di per sé era abbastanza vasto, con tre fazioni (Cavalieri, Samurai e Vichinghi) ciascuna delle quali aveva quattro personaggi giocabili al lancio, più due aggiunti nei DLC successivi.
Durante l’E3 di quest’anno Ubisoft annunciò un ulteriore DLC, più fasto rispetto ai precedenti, il quale è stato rilasciato recentemente.
Sto parlando di Marching Fire, che propone ai videogiocatori una quarta fazione, I Guerrieri Cinesi, con quattro nuovi combattenti. I vari personaggi sono acquistabili anche singolarmente, con valuta in game, oppure nei vari store comprando l’intero DLC.
Adesso, però, andiamo ad analizzare personaggi proposti dalla nuova espansione.

 

Tiandi

Tiandi è il primo combattente dei Guerrieri Cinesi. Ha il concept di un generale dell’ impero, dotato d’armatura pesante e spada.

Gameplay:

Tiadi è un personaggio abbastanza bilanciato, non troppo veloce ma nemmeno troppo lento, capace di infliggere attacchi abbastanza pesanti che riescono a fare molti danni all’avversario.
Come attacchi e combo è molto simile all’Orochi, uno dei combattenti presenti al lancio e facenti parte della Fazione dei Samurai. Alcuni attacchi sono proprio gli stessi: quando si schiva in avanti(o indietro) concatenando un attacco leggero, per esempio, farà un attacco dall’alto uguale a quello dell’Orochi. Ne è quasi la versione rallentata, ma con un danno più elevato.

Avendo un ritmo un po’ più lento permette di fare Parry e Finte più facilmente e ha una guardia più solida.
È munito anche di qualche combo molto interessante. Eseguendo un l’attacco pesante e lo “spezzaguardia”, dopo aver eseguito l’attacco pesante sferrerà un calcio che allontanerà il nemico, dando così il tempo al giocatore di riprendere stamina e preparare un nuovo attacco.

Modello e Animazioni:

Sotto il punto di vista grafico il modello è fatto piuttosto bene, curato nei dettagli e decisamente fedele ai modelli storici. Bella da vedere è sopratutto la sua armatura. I personaggi possono comunque essere modificati, per quanto riguarda l’estetica, se non dovessero essere di vostro gradimento. Le animazioni sono ben fatte, specialmente quelle delle esecuzioni che sono spettacolari.

Conclusioni:

La difficoltà nell’utilizzo è media: non è semplicissimo eseguire le combo più belle e sfiziose, ma gli attacchi più semplici si eseguono con facilità. Può regalare molte soddisfazioni in combattimento, sopratutto se vi piace l’Orochi, ma prediligete un gioco più lento e di posizione.
Nota negativa è che manca un po’ di originalità negli attacchi.

 

Nuxia

Nuxia rappresenta una guerriera della guerra civile cinese.

Gameplay:

Il personaggio ha uno stile di combattimento molto rapido. Con le sue due spade è infatti in grado di eseguire combo devastanti, sopratutto contro nemici inesperti. Se non si è abbastanza bravi sarà difficile sfuggire ai suoi attacchi.
Importa inoltre una novità al gameplay: gli agganci. Facendo seguire ad un attacco (leggero o pesante) uno spezzaguardia saremo in grado di afferrare il nemico e colpirlo, senza che l’attacco possa essere bloccato, con una presa micidiale.


Questo attacco, però, andrà a segno solo se il nemico si sta difendendo o sta contrattaccando, il che ne rende un po’ più complicata l’esecuzione.
Non ha una guardia molto forte, essendo un personaggio più incentrato sulla velocità d’attacco e di schivata, piuttosto che sulla difesa. Non è molto semplice da eseguire ma con il giusto tempismo si può anche fare un Parry che sbilanci l’avversario. Sconsigliato a giocatori più inesperti o che non hanno molta familiarità con la Parry. Per chi invece se la cava meglio con questa meccanica, la cosa migliore è concatenarvi subito dopo un attacco leggero, poiché, il personaggio farà una particolare animazione praticamente impossibile da schivare.
La finta, al contrario della Parry, è molto semplice da usare. Però, non se ne sente molto il bisogno, data la velocità del personaggio e la tecnica dell’Aggancio (sopracitata).

Modello e Animazioni:

 

Il modello del personaggio è veramente ben fatto, trasmette altezzosità e fierezza, e le spade sono molto particolari, uniche nel loro genere.
Le animazioni del personaggio sono realizzate piuttosto bene ma, personalmente, trovo che le animazioni delle esecuzioni non siano al livello di quelle degli altri personaggi.

Conclusioni:

Se usata correttamente Nuxia può essere letale sia contro eventuali Tank, che contro personaggi più veloci come Assassini e Ibridi. Avendo una velocità d’attacco molto elevata bisogna ragionare velocemente per sviluppare tattiche vincenti.
Non è un personaggio molto semplice da usare, ma con un po’ di pratica regala moltissime soddisfazioni per ogni colpo andato a segno.

Jiang Jun

Jiang Jun è il Tank della fazione Cinese.

Gameplay:

Essendo un Tank è abbastanza lento, ma con molti punti salute ed un danno d’attacco allucinante. È però leggermente differente rispetto ai Tank delle altre fazioni. Non solo ha tutte le caratteristiche di uno Shugoki (Tank Samurai) o di un Giustiziere (Tank Cavalieri), ma non è poi così penalizzato nella velocità dei movimenti come gli altri due.
Innanzitutto Jiang Jun può mettere a segno, fin da subito, un potentissimo attacco in corsa. Non ha, tuttavia, una guardia solida come lo Shugoki e gli altri Tank.
Può eseguire delle combo abbastanza veloci, sempre per essere un Tank, e molto dolorose per il suo avversario.


Ha una serie di esemplificazioni nei comandi che lo rendono un personaggio molto forte anche nelle mani dei principianti. Può infatti eseguire una finta automatica premendo i tasti per portare un attacco pesante e uno spezzaguardia, il che può mandare in confusione l’avversario. Inoltre può eseguire una schivata rapida con l’analogico destro che permette anche di concatenare schivate e attacchi.
Le Parry e le finte sono molto semplici da eseguire, come di consueto per i Tank.

Modello e Animazioni:

 

Il modello del personaggio è fatto molto bene, anche se ricorda forse troppo lo Shugoki. Mi hanno colpito particolarmente i dettagli come barba e capelli, realizzati in maniera molto accurata, ma anche l’armatura, sempre punto forte di questo titolo. Le animazioni delle esecuzioni sono eccezionali, tra le più belle di tutto il gioco. Le animazioni durante il combattimento sono buone, anche se in alcuni casi il personaggio sembrerà essere una leggiadra danzatrice, il che stona un po’ con la sua massa corporea.

Conclusioni:

È decisamente troppo forte come personaggio, molto semplice nell’utilizzo ed in grado di sbaragliare qualsiasi tipo di avversario con molta facilità, e posso assicurare che trovarselo contro è una grande spina nel fianco. Spero lo depotenzino un po’.

Shaolin

Shaolin, come si intuisce dal nome stesso, è uno degli omonimi monaci guerrieri cinesi.

 

Gameplay:

L’arma del combattente è un enorme bastone con il quale colpisce gli avversari con una forza incredibile. Giocando su PS4, sono riuscito a percepire tramite il Pad e il sonoro la brutalità di ogni colpo.
Si presenta come un personaggio molto bilanciato, con la possibilità di fare combo molto interessanti e veloci, consumando un quantitativo minimo di stamina. Questo teoricamente darebbe la possibilità di eseguire combo quasi infinite, se non fosse che non è eccessivamente complicato interrompere una combo dello Shaoling.
Ha anche la possibilità di eseguire, con una particolare combinazione di tasti, una combo di tre colpi eseguiti molto velocemente. Non è, tuttavia, semplicissima da eseguire e, in combattimento, non ci sono molte occasioni per usarla.


Particolare è l’inserimento di una nuova tecnica di combattimento, la “postura QI”. Si entra nella modalità QI tenendo premuto uno dei due pulsanti per l’attacco. In pratica il personaggio si metterà in una posizione offensiva, dalla quale sarà possibile valutare quale attacco eseguire. Gli attacchi utilizzabili sono molto forti, tra cui uno imparabile. Tuttavia, in combattimento, il tempo che abbiamo per valutare l’azione migliore è molto limitato, poiché il nemico provvederà ad attaccarci subito mentre abbiamo la “postura QI” attiva e con la quale non potremo difenderci, o ne approfitterà per allontanarsi.
La Parry non è semplicissima da eseguire e non conviene molto, al contrario della finta che è molto efficace, sopratutto concatenandovi un attacco leggero.

Modello e Animazioni:

Il personaggio sembra sicuramente essere molto interessante, ed il modello è molto ispirato e originale. Le animazioni delle esecuzioni sono molto carine. Le animazioni del combattimento invece sono oscene, specialmente quella del parry, nella quale sembra che il personaggio si compenetri con la sua stessa arma.

Conclusioni:

Il personaggio risulta essere mediamente difficile da usare, semplice per le azioni basilari, più complicato per fare finezze. È molto legnoso nei combattimenti e nonostante qualche interessante intuizione, risulta essere poco efficace nei combattimenti. Può essere un po’ più utile contro personaggi incentrati più all’offesa più che alla difesa, ma contro i Tank è quasi inutile.

Conclusioni

 


I combattenti di questo nuovo DLC sono abbastanza interessanti, specialmente trovo molto divertente da giocare Nuxia, che permette di fare qualche azione brillante.
Vale la pena acquistarlo? Dipende da quanto vi piaccia questo gioco. Personalmente consiglio di comprarlo con i soldi in game, racimolandone un po’ facendo missioni varie. Tuttavia, se volete tutti i personaggi subito o non avete tempo di fare le missioni giornaliere potete sempre comprare il DLC nello Store.

For Honor Marching Fire: I Nuovi Personaggi ultima modifica: 2018-11-13T23:13:30+02:00 da Kira

Rispondi