Parliamo di ...

Final Fantasy 7 Remake: le impressioni di un nostalgico4 minuti lettura

Final fantasy 7 Remake

Finalmente ho potuto mettere mano alla demo di Final Fantasy 7 Remake e farmi un idea sul progetto su cui fino ad oggi ho avuto più di un dubbio.

La Demo è disponibile da qualche giorno su PS Store e dura circa un oretta abbondante coprendo la primissima fase del gioco.

Saltando giù dal treno…

Il filmato d’apertura, seppur reinterpretato, è un vero tuffo nel passato che scalderebbe perfino un cuore di pietra di qualsiasi ex giocatore del titolo originale. La prima immagine della progressione narrativa ci presenta Aeris intenta a curare con amore i suoi fiori in una cesta. A nessun’altro cittadino di Midgar sembra importare.

La giovane ragazza pare rimpiccolirsi tra le meccanicità grigio-verdi della città e la noncuranza dei cittadini. La sua immagine dipinta di bianco e rosa ben presto viene sbiadita dall’allontanarsi della telecamera che velocemente la inghiotte mostrandoci in campo largo l’intera città oppressa tra i reattori Shinra.

Questa immagine fortemente vocativa è seguita dall’incedere del tema musicale; l’overture che ci accompagna fino alla presentazione del logo di Final fantasy 7 e all’esplosione musicale che non può non far sospirare chiunque abbia avuto l’immane fortuna di godere del titolo originale nel 1997.

Final Fantasy 7

Dopo aver inspirato tutta l’aria possibile nei nostri polmoni al ricordo della meraviglia che stiamo per far riemergere, il campo-largo si riduce sul dettaglio del treno che arriva in stazione a Midgar. Stesso stacco, stessa regia del capitolo originale. Presto ci ritroveremo in stazione e comincerà l’avventura.

LEGGI ANCHE: Final Fantasy VII Remake: le impressioni di un neofita

Final Fantasy 7 Remake Cuore antico, sistema nuovo

Una volta preso il controllo di Cloud capiremo quanto distante sia finita la mela caduta dall’albero di Final fantasy 7. Logicamente un sistema vecchio di 23 andava rivisto e adattato ai palati del nuovo millennio, ma non è necessariamente un male. Il sistema è moderno e divertente da imparare e padroneggiare. Aggiunge ritmo e varietà ad ogni scontro, seppur con la demo ho potuto solo assaggiare le meccaniche che poi saranno certamente meglio consolidate nella versione finale.

Final Fantasy 7 Remake

Nel giocare questo remake sarà importante ricordare che si tratterà di un opera originale, ispirata alla storia del capitolo del 1997 ma necessariamente riadattato in un arco narrativo che non coprirà ugualmente tutte le fasi e gli avvenimenti che ricordiamo. Necessità e limiti dettati dal supporto certamente, ma anche dal nuovo modo di raccontare le storie nel 2020.

Basti vedere la caratterizzazione dei personaggi ultra secondari rispetto al capitolo originale. In questo remeke paiono avere più battute e una personalità ben più delineata, dato che la storia sarà più concentrata e necessiterà di interpreti più presenti dal punto di vista empatico.

Final Fantasy 7 Remake

Nota dolente sono i sottotitoli in italiano. Incompleti e perfino fuorvianti in certe battute. Si tratta di una demo, ma certamente se questa fosse la qualità definitiva il consiglio è quello di giocare tutto in inglese!

Sarà impossibile non rimanerne delusi

Final Fantasy 7 remake andrà giocato con concezione di cosa si ha tra le mani. Logicamente chi cerca un opera lineare e puramente nostalgica rimarrà disperato da questo tentativo di Sqare. Il titolo è da considerarsi un’ode al successo e al retaggio del capitolo originale da cui eredita la storia, l’ambientazione e i personaggi.

Mancheranno intere aree di esplorazione e forse qualche personaggio in un’avventura che certamente non mancherà di stupirci ma anche di lasciarci un insana voglia di rigiocare l’originale. Esattamente perché il merito di Final Fantasy 7 del 1997 non fu solo quello di insegnarci a giocare un JRPG. Lo ricordiamo con affetto per via del ricordo indelebile di cosa siamo riusciti ad immaginare e vivere con il pad della ps1 in mano.

Abbiamo trovato proprio in Final Fantasy 7 un nuovo modo di intraprendere un viaggio che non ha confini, dove tutto è possibile e dove è incredibilmente facile perdersi.

Final Fantasy 7 Remake: le impressioni di un nostalgico4 minuti lettura ultima modifica: 2020-03-05T10:00:00+01:00 da Giganico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.