Awards e Conference

E3 2019: Conferenza Bethesda

E3 2019: Conferenza Bethesda

Tra passato presente futuro dell’azienda passando tra doverose scuse e buoni propositi per i prossimi progetti.

Bastone e carota 76

Ad aprire le danze dello showcase di Bethesda è stato proprio il pluri-discusso Fallout 76.

Si vociferava che le novità avrebbero sconvolto la struttura portante del titolo, e così è stato.

Da un lato si è dato ascolto ai fan che chiedevano più varietà di interpretazione e maggior impegno nella storia. Ma dall’altro si è scelto di perseguire un opera di conformazione alla moda del momento.

L’introduzione degli NPC non fa altro che confermare la volontà di avvicinarsi alle richieste più pressanti della fan base irriducibile del gioco. Mentre l’ apertura della modalità Battle Royale invece conferma quanto siano a corto di idee per risollevare Fallout 76 dalle sue stesse macerie.

Ghotswire il misterioso

Dalla mente straordinaria del Designer Mikami ecco emergere la prima grande novità in casa Bethesda. Il progetto si intitola Ghostwire.

Dal filmato si poò capire poco del gioco in se. Tirando ad indovinare possiamo supporre che si tratterà di un Thriller psico/horror con un forte accento sulla creatività degli elementi fantascientifici. In pieno stile Mikami diciamo

The Elder Scrolls Online Elsweyr: per allungare il brodo

C’è spazio anche per l’annuncio di una nuova espansione per il giocatissimo The Elder Scrolls Online.

Anche in questo caso purtroppo manca un gameplay per capire le effettive novità che non possono di certo essere rappresentate dai draghi!.

Commander Keen … facciamo finta di non averlo visto

Inconcepibile annuncio emerso come uno scherzo dagli schermi dell’enorme palco della fiera LosAngelina!

Anche in questo caso niente gameplay esplicativi, ma possiamo supporre che si tratterà di un arcade platform di stampo run&gun cooperativo.

The Elder Scrolls Legends e le sue carte collezionabili

Arriva non propriamente atteso il momento di The Elder Scrolls: Legends. Gioco di carte collezionabili.

RAGE 2: Insanity Rules

Con un divertente filmato che richiama lo stile delle sigle delle sitcom anni 90 ecco l’annuncio dei nuovi contenuti per Rage 2.

Molte novità in arrivo, nuovi veicoli, armi, modalità, storia e personaggi. Oltre ad una nuova area da esplorare e l’aggiunta del vermone delle sabbie!

Wolfenstein Young Blood ci siamo!

Ecco il momento forse più atteso della conferenza assieme a quello di Doom Ethernal. Youngblood è uno spin-off molto interessante, che vede come protagoniste le due sorelle Blazkowicz. Figlie dell’inossidabile Terror Billy in un momento di riposo dalla sua attività prediletta di trucida nazzisti.

Il gameplay mostrato seppur scriptato forse in molte fasi, lascia intravedere qualche meccanica cooperativa e l’aumento del campo visivo unito all’introduzione di spazi aperti più ampi rispetto al precedente capitolo New Colossus.

Deathloop e un concetto interessante

Si tratta di un action FPS che propone un concetto molto interessante. O almeno tirando ad indovinare. Purtroppo come da brutta abitudine ormai consolidata in questi eventi, si capisce poco del gioco effettivo. Manca un gameplay e dobbiamo costruire tutte le nostre congetture sulla cinematic che suggerisce solamente l’incipit del progetto.

Credo che si tratterà di una modalità particolare di gioco 1 vs 1 ancora tutta da decifrare. La storia del filmato suggerisce che racconterà di questi due personaggi condannati ad una battaglia perenne perché incapaci di morire definitivamente.

Interessante ma quando dovremo aspettare secondo voi?

La perla? DOOM Ethernal

Come ciliegina sulla torta di una conferenza dimenticabile arriva la vera star di questo showcase Bethesda. Doom Ethernal si presenta in tutto il suo splendore splatter con molti dettagli ulteriori sulle nuove meccaniche e le piacevoli riconferme!

Per fortuna in questo singolo caso non mancano le fasi di puro gameplay.

Rispetto al precedente si nota una maggiore attenzione sulle interazione ambientali per superare ostacoli, evitare pericoli e perché no accrescere la spettacolarità dell’esperienza.

Il sistema di base è sempre lo stesso, ma pare essere stato perfezionato in molti dettagli. La varietà di colpi inflitti nei vari filmati dal buon DOOM Guy non è fine a se stessa e atta solo a spettacolarizzare l’azione. Si tratta di un effettiva necessità in quanto, per esempio, un uccisione con motosega rilascia munizioni oearmatura.

Dal poco che abbiamo potuto vedere fin qui appare fondamentale questa varietà di attacchi per il sostentamento della propria azione offensiva!

E3 2019: Conferenza Bethesda ultima modifica: 2019-06-12T13:05:57+02:00 da Giganico

Rispondi