Diablo IV Beta chiacchiere e futuro

Diablo IV Bet

La Beta di Diablo IV è stata un clamoroso successo di seguito e critica. Oltre ad accendere un incendio di interesse intorno al titolo in uscita il prossimo 6 Giugno, la beta ha fatto esplodere una incontrollabile voglia di Diablo in tutta la community. Una voglia che Diablo Immortal non era riuscito a fomentare nemmeno per un istante.

Diablo IV Beta avete provato?

Avete giocato la Beta? Quali classi avete provato? Bhe personalmente mi sono concentrato sulla classe del Barbaro. Da sempre la mia primissima scelta per saggiare le meccaniche e capire il bilanciamento del titolo in versione Full Tank! Le mie impressioni sono state molto positive fin da subito. La storia è avvincente ed è introdotta da una presentazione epica! Godere del primo filmato in CGA è stato un esperienza davvero esaltante; non solo per la qualità eccezionale, ma anche per il piacere di ritrovare il contesto oscuro e sanguinolento che tanto abbiamo adorato dei primi due capitoli della leggendaria saga.

Diablo IV Beta

Conosciuta l’antagonista inarrivabile Lilith e appreso le basi di ogni classe subito si viene catapultati nel contesto di gioco; che trasuda ispirazione da ogni fondale. Una landa innevata che accoglie i primi passi  del nostro avatar che ben preso incornicerà gli insediamenti che funzioneranno da hub per le nostre missioni di avventura in Diablo IV.

Con il Barbaro i primi pasi sono stati piacevoli e soprattutto senza dubbi! Il sistema di progressione di livello è ben scandito, e l’albero di apprendimento abilità è semplice da comprendere ma raffinato da padroneggiare. Prevalentemente ho giocato in coppia con il nostro mitologico Tennico Othum e mi sono reso immediatamente conto di quanto il bilanciamento sia stato limato e ragionato in questo quarto capitolo. 

Abbiamo scelto la difficoltà Veterano perché siamo fortissimi ovviamente, e il valore di difficoltà ci ha accompagnato in tutti i molteplici dungeon  o pianure visitate per ripulite dai demoni. Qualche citazione di valore e da lacrimuccia che però non mi sento di spoilerarvi se non la avete vissuta e avanti veloce nel nostro incredibile viaggio di scoperta che personalmente mi ha soddisfatto e appagato totalmente.

Da soli è realmente tosa a livello veterano, e più di una volta mi sono trovato a fronteggiare non solo minacce con tanti HP, ma più veloci e aggressive. Creature dal design ispirato e molto radicate nella mitologia di Diablo hanno infine fatto pendere il mio giudizio perso il positivo e verso la volontà di volerne estremamente di più!

Per me è decisamente un si anche perché questo embrione di Diablo IV è riuscito a convincermi assai di più rispetto al suo apatico predecessore Diablo III.

Infine ho letto che nella build finale il Barbaro sarà bel più forte risetto a quello visto in questa versione e questo mi tranquillizza ulteriormente perché ho intravisto una ritrovata centralità del barbaro nel bilanciamento del multiplayer.

Mi spiego:

Il barbaro è il classico sacco da botte che andra’ sotto la minaccia principale e si concentrerà nel catalizzare su di se la maggior parte dei danni e pestare a sangue il malcapitato. Il classico tank di stampo Diablo! La velocità e la varietà degli attacchi ad area avversari visti in questo Diablo IV saranno micidiali per chi di danni deve prenderne pochi e di conseguenza se il Barbaro dovesse cadere sarebbe la fine della spedizione!

Quindi assicuratevi di viaggiare accompagnati da un Brutale compagno se volete approcciare l’avventura in co-op

Oppure date una possibilità al risoluto bestione! Ci sarà da divertirsi! Venite a raccontarcelo su Discord o sul nostro Telegram! Vi aspettiamo, siamo avidi di discussioni del genere!

Giganico

Giganico

Videogiocatore da sempre e appassionato della forma d’arte che sta dietro al videogioco. Padre di una splendida bimba e di safarigames.it. Ho cominciato con un Megadrive nel 1990. Il resto e storia di una vita di passione costante e indelebile per il videogioco di ogni categoria e tipo.
Giganico

Giganico

Videogiocatore da sempre e appassionato della forma d’arte che sta dietro al videogioco. Padre di una splendida bimba e di safarigames.it. Ho cominciato con un Megadrive nel 1990. Il resto e storia di una vita di passione costante e indelebile per il videogioco di ogni categoria e tipo.

Condividi:

Facebook
Twitter
Reddit
Telegram
WhatsApp