Cosa vorremmo da

Dark Pictures:Little Hope, cosa aspettarsi4 minuti lettura

Dark Picture:Little Hope, cosa aspettarsi

Dark Pictures: Little Hope è in arrivo! Cosa avrà in serbo per noi il misterioso curatore che pare saperla sempre più lunga del demonio in persona?

L’antologia horror secondo Supermassive si prepara a ricevere un nuovo capitolo, e questa volta, i fatti ci portano nella fantomatica cittadina di Little Hope.

Il gioco è previsto in uscita il 30 Ottobre; e supporterà l’italiano con menù e sottotitoli..

Le radici del male

La storia narrerà di Jhon; professore di liceo, e dei suoi studenti Taylor, Andrew, Daniel e Angela. I protagonisti si perderanno nel corso di una banale gita scolastica, venendo a con misteriosi eventi che li metteranno in grave pericolo.

Dark Picture:Little Hope, cosa aspettarsi

I cinque ben presto scopriranno di essere finiti loro malgrado a fronteggiare una superstizione derivante dalla caccia alla streghe che si svolse proprio a Little Hope nel 1682. Scoprendo inoltre la loro incredibile somiglianza con cinque coloni massacrati ai tempi in circostante misteriose.

La formula è la stessa del vincente precedente Man Of Medan; una storia di partenza da un contesto reale che ben presto si intreccia con il mistero paranormale in una progressione di eventi inspiegabili e imprevedibili. Fino alle sconvolgenti rivelazioni finali dove il pezzo più grande del puzzle cade tra le mani del giocatore per permettergli di interpretare tutto quello che ha visto fin li.

Il sistema sarà certamente fondato sul “butterfly effect” storico dei progetti su Supermassive. Ogni personaggio avrà il suo carattere e una serie di legami più o meno saldi con personaggi e ambientazione. Ad ogni azione corrisponderà una reazione in un titolo dove il giocatore o i giocatori dovranno concorrere per far sopravvivere i protagonisti fino all’epilogo.

The Dark Pictures Anthology Little Hope

Anche sulle modalità di gioco non si è parlato molto dopo l’annuncio dello scorso 14 Aprile. Certamente la base sarà identica a quella di Man of Medan, con una coop separata fatta di attese e inconsapevolezze tra i due o più giocatori.

Sistema vincente non si cambia?

Tralasciando la speranza ovvia di vivere una storia avvincente e affilata come in Until Dawn o anche nell’ultimo Man of Medan, mi piacerebbe certamente che i personaggi fossero descritti più affondo. Per dar modo al giocatore di entrare nel personaggio, e gestire gli eventi come in un gioco di ruolo. Apprezzerei delle personalità più complesse, con interessi magari in contrasto con altri personaggi, in modo da rendere ben più avvincente la campagna cooperativa. Grazie ad una serie di scelte magari anche speculative per cui tenere anche all’oscuro il proprio compagno di spaventi. Ma soprattutto per espandere la rigiocabilità rispetto al capitolo precedente.

Dark Picture:Little Hope, cosa aspettarsi
Dark Pictures:Little Hope

Sarebbe interessante svolgere azioni che influiscano direttamente nelle vicende dell’altro compagno di gioco, per generare una progressione di gioco asimmetrica che genererebbe molte discussioni. Magari, per esempio, per la risoluzione di un enigma in due frangenti differenti; dove entrambi i giocatori devono compiere un’azione per sbloccare una passaggio.

E permettetemi una pignoleria: Mi piacerebbe in fine che le animazioni facciali dei vari personaggi fossero più reali e credibili. In Man of Medan alcune espressioni spesso smorzavano l’ atmosfera.

Staremo a vedere, tra meno di un mese potremo godere del nuovo capitolo della Dark Picture Antology! Personalmente non vedo l’ora.

Dark Pictures:Little Hope, cosa aspettarsi4 minuti lettura ultima modifica: 2020-10-13T17:34:24+02:00 da Giganico

Rispondi