Recensioni Giochi PC & Console

Crackdown 3 Campaign – Recensione

CRACKDOWN 3

Recensione di Crackdown 3: Campaign basata sulla copia inclusa in Xbox Game Pass.

https://www.youtube.com/watch?v=hAEdoaDNqKg

Crackdown 3: passare il tempo nel Boom dell’azione

Dopo quasi dieci anni di attesa i fan della saga dell’Agenzia hanno potuto vedere finalmente realizzato il loro sogno di un terzo capitolo.

Crackdown 3, uscito il 15 febbraio, è entrato a far parte della libreria dell’Xbox Game Pass fin dal Day One permettendo così a tantissimi gamer di Xbox e PC di poterlo scaricare e di goderselo a pieno.

CRACKDOWN 3

La storia fa un balzo in avanti di una decina di anni, rispetto al precedente capitolo, quando il mondo è minacciato da una serie di blackout che stanno azzerando la tecnologia un po’ ovunque.

Ultimo porto sicuro rimane la città di New Providence, che, oltre ad avere un legame con i blackouts, nasconde anche un oscuro segreto: infatti, coloro che in questo delirio post apocalittico da età della pietra scappano dalle città ormai spente con viaggi folli ai limiti della sopravvivenza e vengono salvati dai soldati di New Providence diventano profughi e schiavi all’interno di una città stato che, dell’Eden promesso, ha ben poco.

CRACKDOWN 3

Anche in questo titolo, impersoneremo un agente della fantomatica Agenzia che dovrà districarsi per le strade di New Providence per risolvere i problemi a suon di cazzotti, Boom e laser.

Un discreto open world per chiunque voglia giocare senza pensare eccessivamente, vista la semplicità disarmante.

Quando gli effetti sono più importanti della storia

La grafica cartoon sicuramente attira una fascia di pubblico affezionata a questo stile che, grazie al 4K nativo, raggiunge un livello altissimo con dettagli davvero mozzafiato. Palazzi, favelas, acqua e vegetazione sono molto curati, così come i veicoli ed i personaggi.

Decisamente appaganti le esplosioni e gli effetti delle armi che si susseguono a ritmo incessante per la gioia dei nostri occhi

CRACKDOWN 3

Al contempo luci ed ombre in alcuni momenti risultano davvero fastidiose e impediscono seriamente di avere una buona visibilità.

Comparto sonoro

La colonna sonora è molto elettronica accompagnando le azioni concitate e dando loro l’effetto della stratosferica ignoranza di un film d’azione trash dove tutto è esagerato.

L’aspetto fracassone accompagna l’avventura con ottimi effetti sonori che sicuramente verranno apprezzati da chi osanna il genere.

CRACKDOWN 3

Semplicità all’insegna del divertimento

Il vostro compito consisterà nel trovare gli avamposti di una delle fazioni nemiche che controllano la città e seguire le istruzioni per conquistarlo; una volta ottenuto un certo numero di successi, comparirà il boss che dovrete letteralmente prendere a calci: sconfiggendolo sbloccherete i successivi.

Abilità e crescita del personaggio

Il gioco è un open world abbastanza ampio, che utilizza il sistema della “Skill for Kill”, ovvero della crescita del personaggio basata sulle uccisioni. Il nostro agente avrà cinque diverse abilità: armi da fuoco, corpo a corpo, esplosione, agilità e guida.

CRACKDOWN 3

Mentre le prime tre crescono in ogni combattimento, in base a che tipo di arma utilizziamo (fucili e pistole, pugni, granate e lanciarazzi), le altre due si sviluppano grazie alla lunghissima ricerca di sfere e anelli di acrobazia (punti che dovrete attraversare saltando con la vostra auto) presenti in gran numero nel gioco.

I collezionabili infatti sono tantissimi quasi impossibili da prendere tutti, visto anche che, mentre alcuni si individuano dal tetto dei palazzi altri sono quasi invisibili e la loro posizione non è segnalata sulla mappa.

Un altro modo per poter far crescere le skill di movimento sono le corse: saltando sui tetti o guidando come pazzi per le strade di New Providence dovremo riuscire a fare un tempo migliore di quelli segnalati per ottenere una medaglia.

CRACKDOWN 3

Il problema, in particolare nelle gare di corsa, è un bug che avrà sicuramente fatto arrabbiare chiunque vi sia incappato: in alcuni punti l’automobile vola per aria completamente a caso, come se avesse urtato qualcosa.

Abbiamo inoltre storto il naso di fronte agli eccessivi elementi di disturbo, come i nemici che spawnano di continuo sparando o lanciandoci oggetti contro, che in certi momenti danneggiano non solo l’automobile o il personaggio, ma proprio la voglia di continuare a riprovare.

Purtroppo queste non sono le interferenze peggiori: se per caso durante una corsa passate da una zona in cui si svolge una missione principale, il gioco interromperà la corsa automaticamente e dovrete affrontare quella missione prima di poter proseguire.

Narrazione e cinematica di un cartone animato anni novanta

Fin dal primo video il gioco mi ha riportato alla mente un cartone animato che andava in onda su Cartoon Network negli anni 90: “Batman in the future”, con le sue ambientazioni dark.

Le sezioni di cinematica sono molto ripetitive: ogni volta che conquistiamo un avamposto ci godiamo la visuale in piano sequenza che gira intorno all’edificio.

Veramente carina invece è la sequenza di introduzione di ciascun cattivo: infatti quando ci troviamo per la prima volta di ad affrontare la prima missione della chain che ci porterà ad affrontare un boss quest’ultimo viene presentato con un’illustrazione molto fumettosa che mi ha colpito particolarmente.

La storia è piuttosto banale, anche se, visto come è strutturato il gioco, essa risulta quasi inutile: la spirale di vendetta che ci porta ad affrontare coloro che gestiscono la città è giustificata dalla scusa di essere stati abbattuti insieme alla nostra squadra ad inizio gioco. Peccato però che tutti coloro che erano sull’elicottero fossero dei super agenti cyborg geneticamente modificati che basta un pizzico di DNA per ricreare tranquillamente.

Vale la pena?

Per concludere vorrei poter dire che questo titolo sia assolutamente da comprare, ma purtroppo non è così. Se volete giocarlo, fate l’abbonamento di prova all’Xbox Game Pass (ad 1 euro) e scaricatelo.

Se però siete fan della saga o del genere (il gioco ricorda molto, per gameplay, la saga di GTA o quella di Just Cause) allora forse quello che potrebbe dissuadere è il costo esorbitante di 69,99 euro su Microsoft Store.

Spezziamo però una lancia a favore di questo titolo: oltre alla campagna in giocatore singolo ha anche altre due modalità di gioco che potrebbero essere davvero determinanti per la scelta di acquisto o meno. Possiamo infatti giocare multiplayer con degli amici oppure online sia in modalità cooperativa che in modalità deathmatch.

CRACKDOWN 3

Consigliato per gli amanti degli open world non troppo pretenziosi che si accontentano di girovagare senza badare più di tanto alla storia e a coloro a cui piace giocare in locale con un amico visto che in fin dei conti, nonostante i difetti riscontrati, il gioco è abbastanza divertente vista la quantità di materiale trash al suo interno.

CRACKDOWN 3 - CAMPAIGN

Uno sparatutto in terza persona per chi vuole liberare la mente grazie a esplosioni, effetti grafici e soprattutto tanta distruzione.

6
CRACKDOWN 3:
6
Crackdown 3 Campaign – Recensione ultima modifica: 2019-02-27T12:00:45+02:00 da Neviebris

Rispondi