Anime

BOFURI – Dato che non sopporto il dolore, metterò tutti i punti in difesa4 minuti lettura

BOFURI

“Una ragazza che non ha mai giocato a un videogioco, domina il server di NewWorld Online! Come? Facendo cose a caso chiaro! Quindi sblocca skills assurde e sbilanciate perché gli sviluppatori del gioco sono dei conigli ubriachi (unica nota di gusto del tutto) giustificando il loro non voler nerfare il personaggio dicendo che Maple (la protagonista) è diventato un TREND nel gioco.”

Volendo vedere può essere anche divertente, i disegni e le animazioni sono di qualità eccezionale, tuttavia l’ombra della sceneggiatura svanisce gradualmente ad ogni puntata lasciandoci a episodio 12 nel nulla assieme ad un legittimo quesito: Dove è la storia?

BOFURI

Sempre il solito spartito

Kaedee Honjou è una ragazza in età da scuola che si fa convincere dalla sua migliore amica a giocare a un VRMMO un’esperienza di realtà virtuale online in un mondo fantasy classico. Dato che la protagonista non sopporta il dolore decide di alzare esclusivamente il parametro di difesa creando così un personaggio sbilanciato, lento e inutile. Durante il primo episodio semplicemente facendo niente (si addormenta in game venendo bersagliata per ore in gioco dai mostri) sblocca delle abilità difensive che saranno la base per il suo successo.

BOFURI

La storia si ripete Maple, nickname di Kaedee, esplora il gioco e subito ottiene abilità e equipaggiamenti unici grazie a una serie di casualità ingiustificate che non fanno nient’altro che sbilanciare ancora di più il personaggio verso la difesa assoluta. Il party si allarga, nuove amicizie si formano ma la giovane Kaedee è anche una studente di un’imprecisata classe giapponese dovrà quindi alternare studio e svago, fortunatamente le scene offline sono limitate a lei che parla con la sua amica del gioco o a lei che prende una pallonata in faccia durante una partita di dodge ball perché crede di essere ancora nel mondo virtuale con lo scudo in mano.

Il party diventa una gilda mentre nel frattempo Maple diventa una star sul server per essere arrivata terza in un evento semplicemente restando ferma con il suo scudo in mano. Proseguendo negli episodi ottiene abilità segrete di livello sbroccatissimo redendola a tutti gli effetti un “boss” del gioco, attirando su di sé l’attenzione dei giocatori più esperti.

BOFURI

Non ci siamo!

Bofuri è una delle tante risposte alla folla che nella mia testa grida “Vogliamo altri Isekai” ma la risposta in questo caso è un eco di un eco che avevo già sentito da qualche parte. Non c’è anima, non c’è vera emozione, è tutto virtuale proprio come su NewWorld Online dove se anche se sai che stai per morire non ci dai troppo peso, del resto è solo un gioco. Del resto è solo un anime su una realtà virtuale. Durante le scene d’azione violenta cubi evanescenti prendono posto del sangue come per ricordarci che, anche se i personaggi sono in grado di sentire odori e gusti dei pasti, in realtà è tutta finzione, sono solo disegni.

Potrei dilungarmi sulla scelta del design dei personaggi, ma è chiaro che siamo davanti a un prodotto elaborato con una precisa idea di fan service ben targettizzato. I personaggi della saga interagiscono quasi esclusivamente con il protagonista della storia e sempre nei limiti delle loro ambizioni (devo aiutarla oppure devo riuscire a sconfiggerla) e non hanno ruoli se non quello di fare una cornice harem nella sigla d’apertura.

La storia si ripete Maple, nickname di Kaedee, esplora il gioco e subito ottiene abilità e equipaggiamenti unici grazie a una serie di casualità ingiustificate che non fanno nient’altro che sbilanciare ancora di più il personaggio verso la difesa assoluta. Il party si allarga, nuove amicizie si formano ma la giovane Kaedee è anche una studente di un’imprecisata classe giapponese dovrà quindi alternare studio e svago, fortunatamente le scene offline sono limitate a lei che parla con la sua amica del gioco o a lei che prende una pallonata in faccia durante una partita di dodge ball perché crede di essere ancora nel mondo virtuale con lo scudo in mano.

Voto un maldestro 4 /10

Perché sono un fan del genere, perché viene nominata spesso l’amicizia che è la cosa più bella! Comunque non vi aspetterete una stagione 2.

BOFURI :
4
BOFURI – Dato che non sopporto il dolore, metterò tutti i punti in difesa4 minuti lettura ultima modifica: 2021-10-02T14:00:00+02:00 da Dottor Condor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *