Giochi Indie Recensioni Giochi PC & Console

Battle Academy e Battle Academy 2 – Eastern Front – La Recensione

Battle Academy

Articolo basato sulla versione PC di Battle Academy e Battle Academy 2 – Eastern Front, gentilmente fornita da Slitherine Ltd.

L’arte della guerra

Togliamo ogni dubbio sin da subito: Battle Academy e Battle Academy 2 – Eastern Front, sviluppati da Slitherine, sono due tra i migliori strategici a turni sulla seconda guerra mondiale che si possano giocare.

Usciti rispettivamente nel 2010 e nel 2014 questi due titoli sono la prova evidente della familiarità e dell’esperienza di Slitherine con gli strategici. La partecipazione poi della BBC e del Prof. John Buckley (storico militare presso l’Università di Wolverhampton) ha reso il tutto ancora più eccezionale.

Battle Academy

We shall fight on the landing grounds.  We shall fight in the fields and in the streets.  We shall fight in the hills.  We shall never surrender!” (Sir. W. Churchill)

In Battle Academy dovremo confrontarci con decine e decine di battaglie differenti: dagli scontri in Nord Africa tra “Monty” e la “La volpe del Deserto”, all’inarrestabile Blitzkrieg tedesca, dalle operazioni del D-Day, alla terribile controffensiva delle Ardenne e molto altro ancora. Battle Academy 2 – Eastern Front è invece totalmente centrato sugli scontri tra l’aquila tedesca e l’orso russo, come l’operazione Barbarossa o la battaglia di Kharkov.

Battle Academy
Missioni per tutti i gusti.

Oltre alle campagne base, entrambi i titoli sono correlati di DLC che ampliano enormemente l’esperienza di gioco: Kursk, la fortezza di Metz, operazione Sealion, Rommel in Normandia e molto altro. Come se non bastasse a tutto ciò dovete aggiungere la possibilità di giocare in multiplayer, di lanciarvi nella modalità skirmish o di creare/scaricare scenari personalizzati e/o creati da altri utenti. Il risultato è solo uno: ore e ore di puro divertimento e scontri senza tregua.

La quiete prima della tempesta

Il gameplay è quello comune a tutti gli strategici: schiera le truppe e consegui l’obbiettivo finale cercando di annientare e non essere annientato. Le missioni si dividono tra briefing pre-battaglia e lo scontro vero e proprio. Nella fase pre-battaglia delle splendide strisce che sembrano uscite dai fumetti Super Eroica ci mettono brevemente al corrente del background storico della missione.

Battle Academy

Successivamente ci viene mostrata la mappa strategica con gli obbiettivi da raggiungere: resistere all’attacco, penetrare le linee nemiche, difendere la città fino all’arrivo dei rinforzi ecc.

Battle Academy

Si passa poi alla scelta delle unità da schierare. Le truppe tra cui scegliere cambieranno da missione a missione e avremo un numero variabile di “punti esercito” da spendere per l’acquisto. Scelte le truppe potremo finalmente lanciarci in battaglia con la possibilità, in alcune missioni, di scegliere dove schierare i nostri uomini.

Battle Academy

Nella tempesta

Anche la base degli scontri è quella di qualsiasi strategico a turni. Le unità hanno punti azioni e punti attacco che dipendono dalla loro tipologia e dal loro livello d’esperienza.  Quello che fa veramente la differenza in Battle Academy è l’accuratezza storica, l’attenzione ai dettagli e la complessità degli scontri. Scordatevi infatti di caricare a testa bassa il nemico o di stanarlo usando solo il supporto aereo: l’IA è talmente tosta che darà filo da torcere anche ai veterani del genere. La via per la vittoria è conoscere forze e debolezze delle proprie unità ed usarle al meglio per annientare il nemico. E ci sono molti altri fattori che incideranno sulla battaglia: il terreno, possibili guasti meccanici dei mezzi, panico tra le truppe, cortine fumogene, imboscate ecc.

Battle Academy

In ogni scontro potremo usare varie abilità di supporto come attacchi aerei, fuoco di sbarramento, cura unità, restaura morale dell’unità, rifornimenti (gli esplosivi anticarro della fanteria sono infatti limitati) ecc. Queste abilità, come tutto il resto, vanno usate con cautela dato che solitamente necessiteranno di vari turni per tornare ad essere disponibili.

Battle Academy

Da sottolineare l’assenza di abilità o truppe “definitive”. Tutto è settato al meglio: ci sono unità molto potenti ma nessuna è indistruttibile e sconfiggere il nemico sarà sempre un compito difficile, soprattutto se si vuole evitare di vedere il proprio esercito decimato.

Unità tante, splendide unità

Ma parliamo delle unità presenti in Battle Academy. Se, come il sottoscritto, siete appassionati della seconda guerra mondiale, preparatevi a rifarvi gli occhi. Tra i due titoli stiamo parlando di oltre 300 unità differenti! Non solo le unità sono graficamente belle da vedere (nonostante il primo titolo sia del 2010), ma c’è una varietà pazzesca: quanti giochi vi mettono nella condizione di dover respingere una carica di Bersaglieri in Africa o di poter comandare le truppe alpine russe con tanto di scii e mimetiche?

Battle Academy

Per ovvie ragioni di proporzioni, i mezzi sono quelli che meglio rendono sullo schermo e tutti, e sottolineo tutti, sono resi con un estrema accuratezza tanto grafica quanto tecnica: provate ad abbattere un Panzer VI Tiger con un normale Sherman e poi mi direte. Le unità di fanteria risentono un po’ di più del tempo ma, sebbene risultino “spigolose”, la resa generale è talmente buona che potrete con facilità distinguere, per esempio, tra uno Sten o un Lee Enfield, tra Red Devils e Screaming Eagles.

Battle Academy

Gli scontri sono realizzati alla perfezione e capaci di risucchiarci nell’azione facendoci perdere la cognizione del tempo. Combattere, per esempio, con i russi e ritrovarsi a dover respingere ondate su ondate di nazisti avendo a disposizione nulla più che qualche fucile, qualche molotov e un paio di cannoni e carri obsoleti è una sfida emozionante che vi terrà con il fiato sospeso fino all’ultimo turno.

Battle Academy
Oops!

Due must-have degli strategici a turni

Insomma, se siete amanti degli strategici a turni Battle Academy e Battle Academy 2 – Eastern Front sono due giochi assolutamente da non perdere e da riscoprire. In questi due titoli Slitherine tutto funziona: i motivetti musicali, le introduzioni in stile fumetto, il pathos degli scontri, le unità, tutto.

Chissà se svilupperanno mai un terzo capitolo, magari ambientato nel pacifico.

Alla prossima!

Battle Academy e Battle Academy 2 – Eastern Front, due perle rare tra gli strategici a turni.

Sebbene usciti già da qualche tempo Battle Academy quanto Battle Academy 2 – Eastern Front sono, senza ombra di dubbio, due tra i migliori strategici a turni che si possano trovare. Preparatevi a rivivere decine di scontri all’ultimo sangue dalle sabbie del deserto alle nevi delle foreste russe. Se state cercando un titolo sulla seconda guerra mondiale che sia dotato di grande attenzione ai dettagli, accuratezza storica, centinaia di unità e scontri in cui la strategia la fa da padrona allora Battle Academy quanto Battle Academy 2 – Eastern Front sono esattamente quello di cui avete bisogno.

8
Battle Academy e Battle Academy 2 – Eastern Front:
8
Battle Academy e Battle Academy 2 – Eastern Front – La Recensione ultima modifica: 2018-09-05T16:00:47+00:00 da Arka

Potrebbe anche interessarti…

Rispondi