Awards e Conference Giochi Indie News Giochi PC & Console

Barcellona Games World 2018

Safarigames.it è volato per voi alla Barcellona Games World per scoprire le tante novità di questo evento ogni anno più grande ed importante.

Barcellona Games World: anno 3

Alla sua terza edizione, il Barcellona Games World 2018 si è tenuto dal 29 Novembre al 2 Dicembre nel complesso della nuova Fiera di Barcellona. Quest’anno gli organizzatori, grazie anche all’impeto che l’industria videoludica sta avendo in Spagna negli ultimi anni, hanno voluto superarsi dedicando all’evento ben 52.000 m2 !

Barcellona Games World

Oltre 194 marche hanno preso parte al BGW, tra cui Bandai Namco, Capcom, Koch, Nintendo, PlayStation, Square Enix, Asus, HTC Vive e molte altre. L’evento è stato un successo registrando oltre 138 mila visitatori e superando ogni record precedente. Tante attività, tante cose da vedere e da provare, tutto con l’intenzione di coprire ogni aspetto del mondo videoludico. I protagonisti sono stati tuttavia gli eSports, la Realtà Virtuale e il mondo degli Indie.

eSports: l’intrattenimento del domani ?

Un’enorme sala, la LVP Arena (1.700 posti), è stata lo scenario per le competizioni eSports in cui si sono scontrati i migliori team di Spagna e Portogallo per aggiudicarsi il titolo della prima edizione della Iberian Cup sfidandosi a League of Legends.

Barcellona Games World

Ma la Barcellona Mobile Challenge è stata anche l’arena per scontri su scontri a base di Clash Royale, Fornite, Arena of Valor e Hearthstone. Impressionante vedere la quantità di persone presenti seguendo, in religioso silenzio, ogni fase dei match, totalmente rapiti da quello che succedeva sui maxischermi. Ragazze, ragazzi, giovani e meno giovani hanno dimostrato il crescente interesse per questa nuova forma di intrattenimento.

Barcellona Games World

Il mondo virtuale

L’altra grande star della BGW è stata, come abbiamo detto, la realtà virtuale. La XRZone (questo il nome dell’area dedicata alla RV) occupava un’area di 1500 m2, con oltre 100 terminali di realtà virtuale, realtà aumentata e realtà mista. 8 aree componevano la XRZone: Gaming VR, Arcade VR, Zombie Attack, Escape Reality, Psicodelic Dome, Laser Tag, Immersive Pong e Adrenaline Zone, per soddisfare tutti i gusti.

Barcellona Games World

Tra i più gettonati Beat Saber, Boxe e, soprattutto, Arizona Sunshine un’esperienza virtuale multi-giocatore in grado di mostrare le potenzialità della realtà virtuale in co-op.

Barcellona Games World

Tante novità e tanto Retrogaming

Tra le tante novità a disposizione dei visitanti c’erano, tra gli altri, The Kindom Hearts III, Jump Force, Days Gone, Super Smash Bros, Acecombat 7, Resident Evil 2, Hitman 2, ecc.

Barcellona Games World

Nintendo ha poi voluto proporre qualcosa di alternativo promuovendo la prima edizione della Vodafone #yuvertigo, ovvero un evento in cui i giocatori hanno potuto provare una selezione di giochi per Nintendo Switch su una piattaforma sospesa a 50 m dal suolo.

Barcellona Games World

Seguendo poi una moda degli ultimi anni, erano presenti anche varie Escape Rooms a tema Resident Evil 2. La più grande di queste, pensata per ospitare 100 persone contemporaneamente, copriva un’area di 988 m2 riproducendo le strade di Racoon City.

Ma non solo innovazione. Grande rilievo e successo ha avuto il RetroBarcellona, area dedicata alle glorie videoludiche del passato. 5000 m2 dedicate alla storia del videogioco con oltre 250 consoles, computers, flippers, ecc. che hanno permesso ai visitanti di cimentarsi con “vecchie glorie” come Street Fighter, Donkey Kong e Pac-Mac.

Barcellona Games World

Indie Games: un mondo in continua espansione

Ma non solo titoli famosi e tripla A. Una grande area della BGW è stata infatti dedicata al mondo Indie, con titoli di ogni genere e provenienti da tutt’Europa e non solo. Tra i vari giochi presenti (di cui parleremo approfonditamente nei prossimi giorni) hanno particolarmente attirato la nostra attenzione: Farm Rebellion, Hamsterdam, Driftland, Arok, Tsioque, Kofi, The Unholy Society, Summer in Mara, Unruly Heroes, Petoons Party, Massira, Pode, INFRAMON: The Old Darkness, SteamRoll, Unruly Heroes, Maze of Gods, Endling.

Barcellona Games World

Non solo gaming

Ma la BGW non è stata solo una fiera per provare nuovi titoli e nuove tecnologie. Sulla scia del nuovo impeto nell’industria videoludica che sta interessando la Spagna negli ultimi anni, gli organizzatori hanno deciso di dedicare un parte importante della manifestazione all’industria del videogioco per fomentare lo sviluppo locale e dare un’opportunità agli sviluppatori indipendenti di entrare in contatto con publisher o esperti del settore.

La Co-Op Business Zone ha riunito gli sviluppatori con i possibili finanziatori e publisher nazionali e internazionali, mentre la Games Startup Competition ha decretato i 60 migliori progetti giovanili in abito videoludico. L’esito è stato un successo, con la partecipazione di 204 imprese provenienti da 53 paesi differenti.

Era presente anche uno spazio dedicato alla formazione universitaria in ambito videoludico con stands delle diverse università e centri spagnoli dedicati allo mondo dei videogiochi e delle arti e tecniche collegate: l’Universidad de Barcelona, l’Universidad Pompeu Fabra, LaSalle ecc.

Il Barcellona Games World si è rivelato un evento molto interessante, specchio di una nazione che, anno dopo anno, sta dando sempre maggior impeto al settore videoludico in tutte le sue forme. Tante idee, tanta attenzione agli sviluppatori indipendenti e all’interazione tra questi e i possibili finanziatori e tanto rilievo ai giovani. È la dimostrazione di come, volendo e sapendo, si possa sfruttare e incentivare un settore in continuo sviluppo beneficiandone dei risultati.

Barcellona Games World 2018 ultima modifica: 2018-12-06T11:00:50+00:00 da Arka

Potrebbe anche interessarti…

Rispondi