Parliamo di ...

Astro’s Playroom: Ode a Playstation e ai suoi giocatori5 minuti lettura

Astro's Playroom: Ode a Playstation

Astro’s Playroom è il tipico software preinstallato che più di un gioco è una tech demo per testare le nuove funzionalità della console?

Nulla di più lontano dalla verità.

Purtroppo conosco molti che alla prima accensione di PS5 hanno snobbato o addirittura disinstallato Astro’s Playroom dalla loro nuova console. Sono qui consigliare di non fare questo errore e di dare invece una possibilità alla tech demo di Asobi Team, perché saprà divertirvi, farvi sorridere e addirittura emozionarvi profondamente.

Riscoprendo PlayStation

Astro’s Playroom è una tech demo a tutti gli effetti, serve per assaggiare le potenzialità del Dualsense e farsi un idea sulle applicazioni possibili e le varianti applicabili. Fin da subito si percepisce l’enorme passo avanti fatto con il pad, che guadagna una posizione centrale nell’esperienza di gioco. Ma questo testo non è una ode all’ottimo pad dell’ammiraglia di casa Sony; ma bensì sulle capacità di Asobi Team di raccontarci Playstation attraverso il suo ottimo Platform 3D.

Astro's Playroom: Ode a Playstation

L’atmosfera gioconda e spensierata accompagna tutto il viaggio del piccolo Astro verso la scoperta non solo delle novità PS5, ma anche alla riscoperta delel antiche glorie di Playstation dal lontano 1994. Logico che l’emozione derivante da questo viaggio dipenda molto dalla vostra età e conoscenza della storia della console Sony; ma in ogni caso sarà difficile non rimanere piacevolmente colpiti dal ritmo e dalla goliardia espressa nella progressione delle circa 3 ore che vi serviranno per completare il gioco.

Innumerevoli citazioni ai giochi chi hanno reso memorabile ogni generazione, fino alla scoperta o riscoperta di tutti i device che hanno guadagnato un posto nel cuore dei videogiocatori.

LEGGI ANCHE: Scopriamo State of Play di Luglio 21

Cuore e consoles

Bhe ho lucidato abbastanza il mio cuore nostalgico per potervi raccontare le mie sensazioni ed emotività smossa da questo bel viaggio. Ripassare la storia di Playstation mi ha fatto ripassare un pò anche la mia di storia. Fin da ragazzo; appassionato di videogiochi oltre la norma e sopratutto oltre la media! Ho scoperto Playstation dopo aver preso un micidiale granchio d’oro con Sega Saturn. Tomb Raider e Rasident Evil i primi giochi poi Crash Bandicoot e Final Fantasy 7. Risultato? Amore incondizionato e viscerale.

Astro's Playroom: Ode a Playstation

Poi sono arrivati gli amici appassionati! Finalmente i miei coetanei apprezzavano una cosa che per me era così importante, ed io ero felice. Mi sentivo un precursore, mi sentivo di saperla più lunga di tanti perché erano già parecchi anni che cavalcavo quel meraviglioso drago! Allora ci si raffrontava e si discuteva all’intervallo; su come abbattere Psyco Mantis, sull’arma micidiale trovata nel dungeon più difficile di sempre in Diablo 2, su Aeris che viene trafitta così brutalmente e si porta via un granello della nostra infanzia!

Ahh il videogioco..

Quanto mi ha dato… Quanto gli ho restituito, e quanto sopratutto ancora mi aspetto da questo inossidabile compagno di vita. Ora è bello essere appassionati perché non c’è più bisogno di vergognarsi come un emarginato. Ora è bello poter ricordare una storia fatta di avventure , sfide e anche di delusioni cocenti. Perché alla fine abbiamo avuto ragione, alla fine per primi abbiamo percepito le potenzialità e non ci siamo arresi. Anche se eravamo soli, e facevamo preoccupare i genitori perché preferivamo finire Toki che andare a giocare al campetto…

Astro’s Playroom mi ha riportato alla mente tutto questo groviglio di sensazioni che avevo archiviato nella mia mente; e che non credevo potessero smuovere tanto una volta reclamate e ri-filtrate dal cuore.

Astro's Playroom: Ode a Playstation

Game-terapia

Concludo questo sproloquio nostalgico facendovi fare anche una probabile e buona risata. Io dico che Astro’s Playroom ha un effetto a tratti terapeutico per una mente esagitata di videogiochi e novità. Per tutti coloro che la sera accendono la console e non sanno realmente cosa giocare in una forma di overdose da intrattenimento.

Gli amici a Asobi ci ricordano il nostro passato e ci mandano anche un messaggio molto valido secondo me. Quello di dare importanza alla storia che ci ha portato qui: con una PS5 sul tavolo a sorridere dei bei tempi passati. Percepire il viaggio nel videogioco come un esperienza che in alcuni casi può andare oltre al gameplay e la grafica. Quello che abbiamo amato nel passato è per noi memorabile. Ha un valore nelle nostre vite perché ha migliorato anche solo in minima parte le persone che siamo.

Raro poter categorizzare qualcosa che ci ha reso felici così semplicemente.

Astro's Playroom: Ode a Playstation

Astro’s è una parte di questo; un’essenza profumata che se assaporata sa risvegliare sensazioni, ricordare rapporti e amici con cui si ha condiviso momenti felici, spensierati e di qualità assoluta. Dipinge un quadro a cui noi aggiungiamo parti della nostra esperienza per collegarne i dettagli: L’sms di Davide: “arrivo per le tre, porto multitap”, i tornei 6 vs cpu a Pro Evolution Soccer dove non si faceva altro che gridare quanto giocassero male i compagni a suon di “ma chi è quel 2!?!?”. Forse la prima lacrima quando Squall sorride per la prima volta in Final Fantasy 8, unita all’ultima che scende in questo momento mentre scrivo.

Astro’s Playroom: Ode a Playstation e ai suoi giocatori5 minuti lettura ultima modifica: 2021-07-20T16:00:00+02:00 da Giganico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *