Nostalgia portami via Recensioni Giochi PC & Console

Assassin’s Creed Revelations: Back To The Past8 minuti lettura

Assassin's Creed Revelations

Concludiamo il nostro viaggio nel passato con l’ultimo capitolo della storia di Ezio Auditore: Assassin’s Creed Revelations (giocato su Xbox One all’interno della Ezio Collection).

Riscopriamo insieme l’episodio finale dell’epica saga Ubisoft (qui trovate tutto su Assassin’s Creed 2 e Brotherhood) attraverso questa recensione Back to the Past.

Assassin’s Creed Revelations: un finale magistrale per una storia stupenda

È sempre complicato trovare una degna conclusione ad una storia, soprattutto se questa ci ha coinvolti al punto tale da farci soffrire, intrigare e affascinare insieme al protagonista, ma in questo caso Ubisoft si è davvero superata.

Assassin's Creed Revelations

La storia questa volta dà grande spazio anche a Desmond Miles, il protagonista della pentalogia (che racchiude anche la storia di Altair e quella di Assassin’s Creed 3) e discendente di Ezio, finito in coma dopo l’utilizzo della mela nel finale di Brotherhood. Per poterlo salvare i suoi compagni l’hanno ricollegato all’animus, la macchina che permette di rivivere i ricordi degli antenati e qui scopre che per potersi risvegliare deve rivivere la conclusione della storia di Ezio.

L’arco narrativo, quindi, segue ancora una volta le orme dell’Assassino italiano che, dopo esser diventato Mentore degli Assassini e aver lasciato Roma, parte per Masyaf, antica roccaforte della Confraternita in Terrasanta in cui si celano i segreti del leggendario Altair, protagonista del primo gioco della serie.

Dopo essersi salvato da un attacco dell’Ordine Templare presso la fortezza e aver recuperato il diario di Niccolò Polo, che i Templari avevano rubato, scopre che, per poter accedere alla biblioteca di Masyaf avrebbe dovuto recuperare cinque chiavi tra le vie di Istanbul.

Assassin's Creed Revelations

Il personaggio di Ezio raggiunge lo sviluppo narrativo completo: dopo essere stato il donnaiolo imprudente in cerca di vendetta in AC II e dopo essere diventato il Mentore in Brotherhood, si trova con umiltà a dover imparare nuove tecniche e abilità.

Il personaggio è cresciuto, non solo in età, ma anche in saggezza, carisma e conoscenza, diventando davvero la guida che abbiamo visto nascere nella scorsa puntata.

Dal punto di vista storico ci troviamo ancora di fronte ad un gioiello di rara fattura: siamo nella Istanbul del 1510 in cui è ancora acceso lo scontro tra i Bizantini, appoggiati dall’Ordine Templare, e gli Ottomani che avevano conquistato la città nel 1453. Al centro di tutto si trova la Confraternita degli Assassini che cerca di proteggere la popolazione come meglio riesce.

Il fascino del Cinquecento ai confini dell’Europa

È proprio all’interno questo conflitto, tra le vestigia del vecchio impero Bizantino e la potenza ottomana, che ci faremo strada per recuperare le cinque chiavi e lungo il cammino aiuteremo la Confraternita locale a recuperare le sue basi, proteggeremo i più deboli e risolveremo i misteri del Crocevia del Mondo.

Assassin's Creed Revelations

Fermandoci un momento ad ascoltare gli abitanti possiamo sentire la forza dello scontro in atto. Il nome della città, per esempio, cambia in base a quale fazione parla: Costantinopoli per i Bizantini, Istanbul o Costantinyye per i turchi.

Anche l’occhio vuole la sua parte

Tra minareti e rovine bizantine possiamo godere di un contesto ben costruito: Istanbul, come era stata Roma, è una città viva a tutti gli effetti, con le guardie che pattugliano le strade, i mercanti che attirano i clienti e le persone che chiacchierano nelle piazze.

Dal punto di vista grafico Assassin’s Creed Revelations non ha nulla da invidiare con i titoli più recenti perché sia i panorami che gli sfondi sono ben realizzati.

Assassin's Creed Revelations

La precisione storica è, anche in questo caso, molto accurata anche se, come per i precedenti capitoli, la città ha subito una riduzione di scala.

Anche il dettaglio dei personaggi è migliorato per raffigurarli più vivi e per creare più varietà nei modelli. Stesso discorso vale per le texture, che rendono ancora più reale il mondo di gioco.

Assassin's Creed Revelations

Ancora una volta Ubisoft ha mantenuto la colonna sonora simile ai precedenti trasformandola non solo nel tema principale della storia di Ezio, ma di tutti i titoli della serie.

Parlando dei suoni nel mondo di gioco lo stile è rimasto lo stesso, anche se i dettagli sono la vera innovazione: più diversificazione nelle parole dei passanti, più rumori ambientali, più varietà insomma, a rendere ancora più intrigante un mondo che già di per sé è ben costruito.

Azione tra i Dardanelli e il Bosforo al Crocevia d’Europa

A livello tecnico, invece, Ubisoft ha preferito restare coerente alle aggiunte di Brotherhood e il gameplay guadagna solo un paio di miglioramenti.

Rimane invariato sia il sistema di combattimento che quello legato alla furtività: entrambi funzionano nello stesso modo del precedente capitolo, con le modifiche già inserite per rendere più l’azione fluida.

Assassin's Creed Revelations

Allo stesso modo il sistema di sincronizzazione dei ricordi, introdotto precedentemente, non subisce variazioni.

È stato semplificato il sistema della notorietà che diventa più facile da comprendere e meno limitante, visto che questa volta non saranno le guardie cittadine ad essere in allerta, ma solo i templari, in numero decisamente minore per le strade della città.

Per quanto riguarda il dominio dei quartieri di Istanbul, troviamo una prima novità: questa volta i templari non si lasceranno sottrarre passivamente le basi, ma proveranno a riconquistarle. Avremo, quindi, la possibilità di affrontarli per cercare di resistere in un minigioco in stile Tower Defence.

Assassin's Creed Revelations

Alle varie basi potremo assegnare un maestro che le renderà più difficili da conquistare al nemico e sbloccherà dei ricordi secondari. Rimane, invece, identico al precedente il sistema della rendita: riaprire botteghe e restaurare i monumenti ci permetterà di avere introiti per proseguire nella nostra storia.

Resta simile la gestione della Confraternita, anche se questa volta le missioni per la difesa del Mediterraneo non saranno più fine a sé stesse, ma ci permetteranno di conquistare le principali città lungo le coste e di occuparle con i nostri adepti.

Assassin's Creed Revelations

La modifica più importante riguarda l’esplorazione cittadina: nelle primissime fasi del gioco, infatti, Ezio otterrà un nuovo tipo di lama, quella uncinata, che ci sarà utile in quanto potrà essere utilizzata come un rampino permettendoci di aumentare notevolmente la velocità di scalata.

Assassin's Creed Revelations

Per Concludere

Per tutti questi motivi, credo proprio che Assassin’s Creed Revelations sia il degno finale per una saga meravigliosa che ci ha fatto emozionare, appassionare e ci ha tenuto col fiato sospeso in tutti le sue parti. Questo titolo è invecchiato in maniera eccellente, un po’ come il suo protagonista.

Assassin's Creed Revelations

Consigliato a tutti quelli che non hanno mai giocato la prima generazione di Assassin’s Creed per capire da dove parte questa storia e per comprendere le origini del gioco (per alcune informazioni sulla saga cliccate qui).

Segnaliamo inoltre che in questi giorni è disponibile in offerta sul Microsoft Store la Ezio Auditore Collection, che comprende tutti e tre i titoli che hanno come protagonista l’Assassino fiorentino ad un prezzo stracciato (14,99 €)

Ma si conclude così la saga?

No, in realtà la storia di Ezio non si conclude ad Istanbul. Ubisoft, attraverso il cortometraggio qui riportato e intitolato Assassin’s Creed Embers, ha voluto far sapere come si sarebbe conclusa la storia del nostro carismatico Mentore, divenuto negli anni uno dei volti più amati di Assassin’s Creed.

La storia di Desmond, invece, continua e si concluderà in Assassin’s Creed 3, seguendo i ricordi di Connor, Assassino Pellerossa che partecipò alla Guerra d’Indipendenza Americana.

Ma questa è un’altra storia.

ASSASSIN'S CREED REVELATIONS

Concludiamo il viaggio insieme a Ezio Auditore risolvendo con lui i misteri del Crocevia d'Europa, tra Bizantini e Ottomani.

9
Grafica:
9.5
Aderenza Storica:
8
Gameplay:
8.5
Narrazione:
10
Assassin’s Creed Revelations: Back To The Past8 minuti lettura ultima modifica: 2020-04-03T21:00:13+02:00 da Neviebris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *