Nostalgia portami via Recensioni Giochi PC & Console

Assassin’s Creed Brotherhood: Back To The Past7 min read

Assassin's Creed Brotherhood

Proseguiamo il nostro viaggio attraverso l’Italia del Rinascimento con il secondo episodio della saga dell’assassino italiano Ezio Auditore da Firenze. Riscopriamo insieme questa perla della serie Ubisoft (per il precedente cliccate qui) attraverso questa recensione Back to the Past di Assassin’s Creed Brotherhood (giocato su Xbox One all’interno della Ezio Collection).

Aria di cambiamento

La storia riparte dalla conclusione del precedente capitolo e, attraverso la mente di Desmond Miles, il discendente di Ezio Auditore e reale protagonista della trama, torniamo nella Cripta in cui abbiamo trovato più interrogativi che risposte.

Assassin's Creed Brotherhood

Seguiremo ancora le vicende dell’Assassino fiorentino a caccia di Rodrigo Borgia, alias Papa Alessandro VI, e di come queste lo avrebbero portato a Roma.

Anche in questo episodio è proprio la cura nei dettagli a rendere la trama perfettamente amalgamata alla storia del tempo: quella che abbiamo davanti è, infatti, la Roma dello splendore papale e della corruzione, dell’arte e della storia, della scienza e della superstizione.

Assassin's Creed Brotherhood

Bisogna tenere presente che Roma ha avuto moltissimi volti nel corso della Storia, ma è proprio intorno all’inizio del 1500 che le molteplici anime della città emergono con forza. Ricordiamoci che solo alcuni anni dopo Martin Lutero avrebbe affisso le 95 tesi sulla cattedrale di Wittenberg denunciando la decadenza della Chiesa.

Sono gli anni in cui la scienza viene rivoluzionata da personaggi come Niccolò Copernico e Galileo Galilei, in cui l’anatomia si sviluppa attraverso le tavole di Leonardo Da Vinci e l’arte rinascimentale esplode in tutta la sua magnificenza con gli affreschi di Michelangelo e i dipinti di Raffaello.

Tutto questo è reso perfettamente proprio dall’atmosfera che si respira nel gioco e che ci permette di ipotizzare (è importante ricordare che è un’interpretazione che, per quanto fondata su basi storiche, resta un’interpretazione) come poteva essere la vita nell’Italia dell’Umanesimo, in cui il centro del mondo, per la prima volta dopo secoli, non era più Dio, ma l’Uomo.

Assassin's Creed Brotherhood

Anche i personaggi sono studiati nel dettaglio: a partire da Ezio, che abbiamo visto crescere in Assassin’s Creed 2 e sviluppare una coscienza rivoluzionaria, fino al Templare Cesare Borgia, un cattivo spinto non da una missione divina come gli altri templari, ma da ideali umani; passando da Niccolò Macchiavelli, da Caterina Sforza, da Rodrigo e Lucrezia Borgia, ciascuno dei quali studiato nel dettaglio per rendere la storia piena e affascinante.

Una cornice perfetta

Correndo sui tetti, tra i vicoli e nei campi all’interno delle mura aureliane veniamo assorbiti completamente dal fascino della Città Eterna, attraverso la ricostruzione storica realizzata da Ubisoft. I monumenti da esplorare e i panorami di Roma, infatti, sono resi magnificamente attraverso una grafica elaborata che lascia ancora a bocca aperta, nonostante siano passati nove anni dall’uscita di questo titolo.

Assassin's Creed Brotherhood

Migliorano anche i modelli dei personaggi: gli abiti svolazzanti, la cappa che segue i movimenti, i particolari del volto e i dettagli.

L’unica critica che, forse, può essere mossa ad Assassin’s Creed Brotherhood è, come abbiamo detto la settimana scorsa, la scala della città e le posizioni un po’ distorte degli edifici storici (teniamo presente che nella Parigi di AC Unity attraversare la mappa realizzata in scala quasi 1:1 è davvero lunga!).

Assassin's Creed Brotherhood

Per quanto riguarda la colonna sonora è stata mantenuta simile a quella del capitolo precedente, anche se è stata potenziata di modo che si modifichi in base al ritmo della narrazione. Anche parlando dei suoni nel mondo di gioco, Ubisoft ha scelto di mantenere lo stile del precedente e anche qui ci troviamo di fronte ad un mondo che è riempito di vita proprio dallo sviluppo sonoro.

Azione drammatica e che lascia con il fiato sospeso

Le modifiche più importanti rispetto ad Assassin’s Creed 2 sono state apportate a livello di gameplay.

Partiamo innanzitutto da quello che è rimasto del precedente, ovvero il sistema di navigazione, di combattimento, lo stile generale della furtività e dell’individuazione.

È stato mantenuto anche il sistema della notorietà e il modo con cui possiamo ridurla per sparire dalle guardie.

Assassin's Creed Brotherhood

Si modifica molto, invece, il sistema della sincronizzazione dei ricordi: a partire da questo capitolo, infatti, per ottenere la sincronia completa con il protagonista dovremo cercare di muoverci esattamente come lui raggiungendo un obiettivo bonus durante lo svolgimento della missione.

La liberazione di Roma e la sua ricostruzione avvengono attraverso un sistema di conquista dei territori (altra peculiarità che non abbandonerà più la saga) mediante la distruzione delle torri dei Borgia sparse per tutta Roma.

Rispetto poi alla restaurazione di Monteriggioni nel II, in questo titolo potremo acquistare simbolicamente anche i monumenti della città e ricostruire gallerie e acquedotti per facilitare gli spostamenti e aumentare la rendita.

Assassin's Creed Brotherhood

Dal titolo – Assassin’s Creed Brotherhood – possiamo dedurre che per liberare Roma non saremo soli, ma dovremo far risorgere la Confraternita degli Assassini: questa è la modifica più importante a livello di gioco, poiché potremo richiamare gli adepti al nostro fianco per combattere oppure per essere aiutati con l’eliminazione di bersagli scomodi.

Assassin's Creed Brotherhood

Possiamo gestire la Confraternita attraverso le colombaie sparse per tutta la città e dalle quali potremo mandare i nostri affiliati nelle principali capitali europee per svolgere missioni per la Gilda, diventando Assassini a tutti gli effetti.

Assassin’s Creed Brotherhood, in conclusione

Ritengo che questo sia il gioco migliore della saga, non solo per l’ambientazione meravigliosa e la trama affascinante, ma anche per i personaggi, per il sistema di gioco e per la difficoltà nel raggiungere il 100% di sincronizzazione.

Assassin's Creed Brotherhood

È un titolo invecchiato bene che domina ancora oggi su tutti i successivi. Consigliato a tutti quelli che non hanno mai giocato la prima generazione di Assassin’s Creed per capire da dove parte questa storia e per comprendere le origini del gioco (per alcune informazioni sulla saga cliccate qui).

ASSASSIN'S CREED BROTHERHOOD

Prosegue il viaggio in compagnia di Ezio Auditore. Riscopriamo insieme le sue avventure nelle Città Eterna mentre da la caccia ai Borgia.

9
Grafica:
9
Aderenza Storica:
9
Gameplay:
8
Narrazione:
10
Assassin’s Creed Brotherhood: Back To The Past7 min read ultima modifica: 2020-03-27T21:00:30+01:00 da Neviebris

Rispondi