Aspettando

Aspettando… DiRT Rally 2.0

Il tredicesimo capitolo della Colin McRae Rally series, il settimo a portare il nome Dirt, è in uscita il 26 Febbraio. Il videogioco di corse sviluppato e pubblicato dal team di Codemasters sarà disponibile su Steam, Xbox One e PlayStation 4, mentre in estate verrà introdotto il supporto per VR.

Verso un maggiore realismo

Rispetto al primo capitolo, in Dirt Rally 2.0 il team di sviluppo ha ingaggiato dei reali piloti per ad avere migliori feedback relativi al comportamento della vettura nel suo intero sui vari terreni. Fisica e rendimento visivo degli ambienti saranno migliorati.

Una seconda caratteristica fondamentale e innovativa del gameplay è il meteo. Le condizioni atmosferiche influenzeranno il terreno, e quindi il livello di aderenza del percorso, e la visibilità. Ma non è finita qui, il degrado dei tracciati è influenzato anche da altri fattori: un conto è percorrere una curva per primi, un conto è percorrerla dopo che l’hanno fatto altre vetture prima di te. Il manto stradale si deteriorerà, con conseguente calo di aderenza.

Per quanto riguarda i danni ai veicoli, non avranno solo un effetto visivo, ma anche meccanico! E se aggiungiamo anche l’assenza della funzione di “riavvolgimento” dell’azione, otteniamo il mix giusto per un gameplay che offre un alto tasso di sfida e richiede massima concentrazione.

Il roster e i tracciati

In Dirt Rally 2.0 sono oltre 50 i veicoli presenti, sia moderni che storici. Tra le auto più famose possiamo citare la Polo GTI R5, la Mitsubishi Lancer Evolution X e la Chevrolet Camaro GT4.R. Tra le più vecchiotte invece è d’obbligo ricordare la Ford Escort MK II e l’Audi Sport Quattro S1 E2.

Per quanto riguarda i tracciati ufficiali, potremo gareggiare sugli storici circuiti di Barcellona, Montalegre, Mettet, Lohéac Bretagne, Trois-Rivières, Hell, Höljes e Silverstone. In aggiunta a questi sono state ricreate reali ambientazioni fuoristrada in Nuova Zelanda, Argentina, Spagna, Polonia, Australia e USA .

My Team

La storica modalità, la cui prima apparizione risale a Dirt 4 è stata migliorata e ampliata. I giocatori potranno adesso ingaggiare ingegneri e specialisti per mettere a punto la propria auto. Un aspetto fondamentale è quello strategico. La scelta delle gomme, ad esempio, gioca un ruolo importantissimo: scegliere una mescola morbida offre maggiore aderenza ma è soggetta a un deterioramento rapido, contrariamente a una mescola dura, che però va a incidere in negativo sulla velocità. Inoltre il team di Codemasters dovrebbe introdurre un tutorial per rendere la vita un po’ più facile ai neofiti del genere.

Supporto continuo

DLC ne arriveranno? Sicuramente, sono previsti aggiornamenti periodici che includeranno sia nuovi veicoli che locations da percorrere. È stato confermato il ritorno di alcuni tracciati presenti nel primo capitolo, ma anche l’aggiunta della Škoda Fabia e della BMW M1.

Aspettando… DiRT Rally 2.0 ultima modifica: 2019-02-20T13:02:15+02:00 da Fcfrank

Rispondi