Nindies Recensioni Giochi PC & Console

Yonder The Cloud Catcher Chronicles – Recensione Switch

Yonder The Cloud Catcher Chronicles Switch LOGO

Rileggendo la nostra recensione di Yonder The Cloud Catcher Chronicles, che risale alla prova PC di ormai un anno fa, mi rendo conto che il nostro progetto di SafariGames Italia è cresciuto, è maturato e con esso l’esperienza e la competenza. E’ con un approccio diverso, forse più tecnico, ma non per questo meno “emozionale” che mi appresto a raccontarvi nuovamente dell’esperienza vissuta nella versione Nintendo Switch di Yonder.

E’ tempo di esplorare nuovamente le terre di Gemea

Facciamo un piccolo recap per chi non ha provato la versione PC/Steam/Ps4 di Yonder The Cloud Catcher Chronicles: questo videogiochi indie – sviluppato con il sistema grafico Unity – vuole farci vivere una pacifica avventura nelle terre di Gemea.

Morire in Yonder Chronicles è impossibile…

… persino buttandosi giù da un dirupo, oppure camminando trattenendo all’infinito il respiro sott’acqua. Questo perché la volontà degli sviluppatori di Yonder The Cloud Catcher Chronicles è stata quella di creare un videogioco che ripeschi dai grandi del passato (e del presente) come Zelda Breath Of The Wild, togliere loro la componente survival, i combattimenti pur mantenendone l’impostazione di gameplay. Il nostro alter ego – minimamente personalizzabile – si avventurerà a piedi nelle terre di Gemea, devastate dal miasma (Ndr: una specie di infezione che solo noi potremo curare). Il gameplay ci vedrà affrontare gli spostamenti a piedi, raccogliendo oggetti, tagliando alberi (e ripiantandoli), risolvendo basilari enigmi. Le similitudini con il capolavoro di Nintendo terminano qua perché Yonder è a tutti gli effetti un gioco completamente differente.

Yonder The Cloud Catcher Chronicles Switch screenshot

La serafica vita quotidiana di Yonder

Uno degli aspetti grafici meglio riusciti di Yonder è senza alcun dubbio il ciclo giorno/notte che sebbene capace di regalarci scorci eccezionali non influenzerà però né la nostra giornata né gli incontri. L’unica differenza la faranno gli animali che troveremo dormienti. La cura e l’allevamento di quest’ultimi saranno una delle attività a cui andremo incontro. Sin dal primo bioma ( quello delle Terre Verdi) potremo espandere una piccola fattoria seguendo lo sviluppo dei nostri piccoli e teneri amici. Non che questo influenzi la trama, ma comunque è un’attività in sé piacevole.

I vari villaggi in cui verremo accolti ci proporranno piccole quests volte ad esplorare i dintorni, a scoprire segreti e nuove abilità e a far crescere le nostre skills. Non essendoci un sistema di crescita di stampo ruolistico, vedremo il nostro alter ego diventare un carpentiere sempre migliore con l’esercizio, un sarto ecc…

Un sistema minimale di crafting e tanta esplorazione

La maggior parte del tempo la passeremo ad esplorare, a cercare gatti (ce ne sono 55 mi pare in tutta l’isola), a scoprire ogni singola grotta degli 8 biomi/regioni che compongono Gemea. Ogni zona è caratterizzata da una particolare flora e fauna: deserti, praterie, ecc.

Yonder The Cloud Catcher Chronicles Switch screenshot 2
La modalità foto in tutto il suo splendore

Yonder The Cloud Catcher Chronicles trova la giusta dimensione su Switch

Questa pacifica avventura spesso ci porterà a correre da un punto A ad un punto B nell’ottica di concludere quests e avanzare nella trama principale. Trama che ci vede naufragare su quest’isola e affidarci un compito ben preciso da concludere in compagnia di “folletti”.

Non è il classico gioco che vi potreste aspettare. In Yonder non si combatte, se si taglia un albero si è invogliati a piantarne uno nuovo, gli animali non si possono arrostire, ma si può prendere il loro latte. Insomma Yonder è un gioco che consigliamo a chi, stanco della frenesia della vita quotidiana, vuole rilassarsi in un mondo pacifico, splendidamente realizzato (seppur con qualche minimo effetto di stuttering e di lag nella modalità docked). Le musiche che accompagneranno l’avventura in Yonder The Cloud Catcher Chronicles sapranno sempre essere apprezzate senza risultare né ridondanti né inopportune.

Trovate Yonder The Cloud Catcher Chronicles sull’eShop di Nintendo a 24,90 euro, un prezzo un tantino sopra la media dei soliti Nindie, giustificato da una realizzazione tecnica di qualità.

Un'avventura da assaporare in serenità

Yonder The Cloud Catcher Chronicles è un'avventura open world da vivere nella sua semplicità. Sia il sistema di crafting che di crescita non prevedono alcun tipo di competitività. Non troverete armi e combattimenti, sappiatelo. Ma se i titoli come Stardew Valley, Harvest Moon, My Time At Portia, Animal Crossing non vi spaventano, potrebbe essere una piacevole alternativa.

7
Yonder The Cloud Catcher Chronicles:
7
Yonder The Cloud Catcher Chronicles – Recensione Switch ultima modifica: 2018-05-16T16:00:26+00:00 da Sapphire

Potrebbe anche interessarti…

Rispondi